Scienze

OGM - Il riso anti colera e le domande aperte del cibo transgenico

Dopo il riso alla vitamina A, la qualità resistente agli erbicidi e quella refrattaria agli insetti, il catalogo delle specie "elaborate" si arricchisce di una varietà di tale cereale che protegge...

OGM - Il riso anti colera e le domande aperte del cibo transgenico
Dopo il riso alla vitamina A, la qualità resistente agli erbicidi e quella refrattaria agli insetti, il catalogo delle specie "elaborate" si arricchisce di una varietà di tale cereale che protegge dal colera, malattia ancora mortale in molti Paesi del mondo. Un risultato molto importante. Tuttavia, mentre la ricerca colleziona successi, la regolamentazione del settore scarseggia e ancora non ci è chiaro come proteggere la biodiversità naturale dall'inquinamento genetico.

Riso naturale (bianco) e riso Golden, varietà sviluppata nel 1999 per consentire il corretto apporto di vitamina A in 100-200 grammi di riso (il pasto dei bambini nelle società basate appunto sul riso). Anche in India, dopo un iniziale successo, il suo futuro è oggi messo in discussione.


Un innovativo vaccino anti-colera è stato sviluppato nei laboratori dell'università di Tokyo: nel Dna del riso sono stati inseriti alcuni geni derivanti dal batterio del colera, ottenendo così un riso GM capace di indurre una risposta immune contro l'infezione. La sperimentazione ha confermato quanto si attendevano i ricercatori: nei topi alimentati con il nuovo riso si è evidenziata la presenza di anticorpi non solo nel sangue, ma anche nelle mucose, prima via di accesso al nostro organismo per molti microbi. Soprattutto quest'ultimo è considerato un risultato molto importante perché impossibile da ottenere con i sistemi di vaccinazione tradizionali.

Il colera è trasmesso da batteri del genere vibrio. Dopo essere stato ingerito, il vibrione del colera colonizza l'intestino e vi rilascia una tossina che modifica la capacità di assorbimento dell'acqua, provocando la diarrea detta "ad acqua di riso", di colore biancastro.
Pratico ed efficace, sì...
Secondo i suoi "inventori", però, il riso-vaccino ha diversi altri vantaggi, tra i quali quello di essere stabile: mantiene infatti inalterata la sua efficacia per oltre un anno e mezzo a temperatura ambiente, mentre il vaccino tradizionale deve essere sempre conservato a bassa temperatura. Non servono più aghi e siringhe, e una eventuale campagna di vaccinazione avrebbe tutti i numeri per essere la più efficace mai sostenuta, visto che il riso è la principale fonte di sostentamento per le popolazioni di molti paesi poveri e in via di sviluppo (nei quali il colera è ancora assai diffuso).

... ma non è tutto riso e fiori!
I benefici legati a questa nuova invenzione dell'ingegneria genetica sono dunque importanti, ma sopravvalutarli e, soprattutto, abbassare la guardia sui potenziali rischi della coltivazione di piante transgeniche per uso alimentare sarebbe un errore. I tempi di sperimentazione sembrano insufficienti per permettere una valutazione davvero completa degli eventuali pericoli, eppure... la diffusione di piante geneticamente modificate appare fin troppo rapida e, spesso, fuori controllo. È infatti già accaduto che coltivazioni di riso "normale" venissero contaminate da quello GM, o che ingenti importazioni di prodotto lavorato fossero bloccate (settembre 2006, riso LL601, resistente agli erbicidi) o addirittura sequestrate nei punti vendita (maggio 2007, riso Bt63, varietà illegale resistente agli insetti) a dimostrazione della loro opinabile sicurezza. Nonostante il riso sia in prevalenza autoimpollinante, e quindi i rischi di diffusione incontrollata di una variante "artificiale" siano, almeno in teoria, bassi, le problematiche su come proteggere da contaminazioni le coltivazioni del prodotto "originale" non devono essere lasciate in secondo piano.

(Notizia aggiornata al 25 settembre 2007)

25 settembre 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us