Scienze

Occhio all'orologio da polso: è un covo di batteri

Il cinturino del nostro orologio da polso – specie se in tela − è pieno di batteri: è importante disinfettarlo spesso, in particolare dopo aver sudato.

I batteri si riproducono in zone umide: sappiamo che il water, le spugne da cucina e perfino la barba sono posti dove i batteri proliferano. Ora un nuovo studio pubblicato su Advances in Infectious Diseases ci dice che anche i cinturini dei nostri orologi da polso non sono proprio così puliti, specie se facciamo esercizio fisico (e quindi sudiamo). Oltre ad analizzare diversi materiali (non tutti pieni di batteri), i ricercatori hanno anche verificato l'efficacia di diversi metodi disinfettanti: ecco cos'hanno scoperto.

Meglio in metallo. Il 95% dei cinturini analizzati era contaminato da batteri: i peggiori erano (com'è immaginabile) quelli in tela, seguiti da quelli in plastica, in gomma e in pelle – tutte superfici porose che favoriscono la proliferazione batterica. Scarsa o nulla invece la presenza di patogeni nei cinturini di metallo (oro o argento).

L'85% dei batteri ritrovati appartenevano al genere Staphylococcus e il 30% al genere Pseudomonas − entrambi molto comuni nella pelle – ma un 60% all'E. coli, un batterio intestinale.

Parola d'ordine: disinfettare. I risultati evidenziano l'importanza di disinfettare frequentemente i nostri orologi da polso, specie se facciamo esercizio fisico: sia i disinfettanti spray che l'alcol etilico al 70% sono efficaci al 99,99% in appena 30 secondi. Meno efficace invece l'aceto di mele, che ha bisogno di due minuti per ridurre la carica batterica.

I ricercatori sottolineano infine l'importanza di analizzare la presenza di batteri in altri dispositivi di uso comune, come auricolari e smartphone (su questi ultimi sono già stati condotti diversi studi).

4 settembre 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us