Notte dei Ricercatori 2013, gli appuntamenti da non perdere

Stasera la ricerca scende in piazza per incontrare adulti e bambini in una serie di eventi divertenti e interattivi. Ecco dove trovare il più vicino a casa vostra.

lanottedeiricercatori2013
Gli appuntamenti in Italia per la Notte dei Ricercatori 2013. |

C'è una notte ogni anno in cui i laboratori di ricerca aprono le porte e gli scienziati scendono in strada, per raccontare il proprio lavoro al grande pubblico attraverso giochi, esperimenti, dimostrazioni, conferenze e concerti. Quella notte finalmente è arrivata: ovunque abitiate, non perdetevi questa sera l'appuntamento con La Notte dei Ricercatori, un evento dedicato al mondo della ricerca scientifica e ai suoi protagonisti.

Istituita nel 2005 dalla Commissione Europea, questa manifestazione ha l'obiettivo di promuovere occasioni di incontro tra il mondo della ricerca scientifica e il contesto cittadino in cui è inserito, e di far conoscere il mestiere del ricercatore attraverso un approccio divertente e interattivo.

 

L'Italia, un paese in cui c'è ancora molto da fare per sostenere la ricerca, ha aderito all'iniziativa con grande entusiasmo. Sono italiane 31 delle 300 città europee che aderiscono alla manifestazione. Vediamo insieme quali sono gli eventi più importanti sparsi per lo Stivale.

Si terrà tra Roma e Napoli Light 2013, incentrata quest'anno sul tema "What’s up with science" ("Che c’è di nuovo nella scienza"). Al Planetario di Roma si parlerà di astronauti su Marte (o quasi), Antartide e cambiamenti climatici, farfalle, biodiversità e autobus del futuro (qui il programma completo). A Napoli l'evento si terrà nella cornice di Città della Scienza, e si parlerà di futuro dell'energia, ricerca in fondo al mare, mobilità sostenibile e car sharing (tutti gli eventi a questo link).

A Milano si accenderanno le luci di MeetMeTonight: dalle 15:00 alle 24:00 i Giardini Indro Montanelli (in via Palestro) si animeranno di stand afferenti alle varie università e focalizzati su diversi temi: arte e creatività, salute e medicina, scienza e società, food, energia, ambiente e sostenibilità. Si parlerà di mobilità sostenibile, scienza in cucina, neutrini, scuola digitale e cellule staminali, e si terranno dimostrazioni sulla realtà aumentata e illusioni del cervello (qui il calendario completo degli eventi). Tanti gli appuntamenti anche al Planetario e al Museo della Scienza Leonardo da Vinci, che per l'occasione aprirà le porte per un'Open Night, una notte di conferenze, concerti e visite interattive a ciclo continuo.

Chi abita nel nordest potrà seguire gli eventi di Near, la notte europea dei ricercatori che coinvolgerà Padova, Venezia, Verona, Udine e Trieste. Qui in particolare aprirà la tre giorni di TriesteNext, il salone europeo della ricerca dedicato al tema "La scienza del futuro", mentre a Venezia si parlerà di cinema e architettura e a Padova si godrà della diretta notturna della radio universitaria Radiobue.it.

Anche a Torino e in altre piazze piemontesi i ricercatori scenderanno in piazza per organizzare attività dedicate a grandi e piccini: in particolare, nel capoluogo si terranno i consueti caffè scientifici, dialoghi a tu per tu con i protagonisti della ricerca intorno al tavolo di un bar: si parlerà di nanoparticelle, inquinamento atmosferico, impatto ambientale della produzione di cibo e molto altro (qui il programma per il Piemonte).

Al Muse di Trento recentemente inaugurato si parlerà invece di cervello, viaggi nella preistoria e sperimentazione a tavola (leggi il programma).

La scienza toscana darà appuntamento a Shine 2013, un insieme di iniziative diffuse su una rete di 11 città. Si parlerà, tra le altre cose, di chimica del restauro, formiche, ormoni e archeologia.

A Frascati la notte della ricerca segnerà la fine di una settimana interamente dedicata alla scienza: molte le iniziative scientifiche collegate dallo stesso fil rouge: ricerca il ricercatore, leggi anche "come prevenire la fuga dei cervelli" (o per lo meno, come promuoverne il rientro). In Umbria sarà invece la volta di Sharp, un evento che si terrà tra Perugia, Foligno e Terni in cui si parlerà di stelle, scienza del gioco, birra e cibo.

INAF Italia e INFN, l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, animeranno a Bologna Origins 2013, una notte per esplorare i mestieri del cosmo insieme a una rosa di esperti: tra questi Fabiola Gianotti in videoconferenza dal CERN, che parlerà, insieme al collega Joe Incandela, della scoperta del bosone di Higgs, Darmstadt Nazzareno Mandolesi dall'ESA, tra i responsabili della missione del satellite Planck, il fisico britannico Peter Higgs in un videomessaggio e Luca Parmitano, che interverrà con un saluto dalla ISS. Qui sotto potete seguire la diretta dell'evento, dalle 18:30 alle 23:00.

27 settembre 2013 | Elisabetta Intini