Scienze

Nokia x5: le app per Symbian sono poche

Le app per Symbian non sono abbastanza.

Nokia ha deciso di lanciare il suo quadratissimo Nokia x5 a Singapore. Purtroppo, però, il mercato della applicazioni per Symbian, il sistema operativo dei suoi cellulari, non riesce a competere con i negozio online di Apple e Android.

“Ci sono troppo poche applicazioni per i cellulari”

Quadrato a Singapore – Il colosso finlandese ha appena lanciato a Singapore il Nokia x5, uno smartphone dall’insolita forma perfettamente quadrata. L’x5 funziona sulle reti cinesi, ma non si sa ancora nulla su un suo possibile futuro europeo. Oltre alla forma e un’evidente tastiera Qwerty a scorrimento con 4 file di pulsanti, gli altri dettagli tecnici si conoscono solo "per sentito dire" su internet. Il cellulare dovrebbe avere uno schermo da 2.4 pollici a 16 milioni di colori, una fotocamera posteriore da 5.0 Mpixel con flash a doppio Led, ricevitore Gps e memoria espandibile tramite schede microSD. Il sistema operativo è Symbian S60 e

Poche applicazioni – Intanto Jan Ole Suhr, lo sviluppatore dell’applicazione Gravity (un’app per Twitter), spiega in un’intervista perché il mercato delle applicazioni per gli smartphone Nokia stenta a decollare. Il colosso finlandese controlla il 41% del mercato mondiale degli smartphone, eppure per uno sviluppatore indipendente è difficile realizzare applicazioni per questi cellulari quando non conosce i piani di sviluppo dell’azienda. Tutti, per esempio, aspettano il Nokia N8 che, sulla carta, dovrebbe essere il vero rivale dell’iPhone. Ma arriverà a partire dal terzo trimestre del 2010 il che significa che l’intero ecosistema di applicazioni non si metterà in moto prima della fine dell’anno. Un ritardo enorme che avvantaggia il mercato dei programmi per iPhone e Android.

Ecco il cellulare Nokia x6. Guarda la gallery...

14 giugno 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us