Scienze

Ogni 15 uomini, una donna vince un Nobel

In 120 anni solo 58 donne hanno vinto un Nobel, contro quasi 890 uomini: quest'anno l'unica donna a ricevere il premio è stata la giornalista Maria Ressa.

Si sono appena concluse le assegnazioni dei premi Nobel 2021, e le donne sono le grandi sconfitte anche di questa edizione: Maria Ressa, giornalista filippina che ha condiviso il Nobel per la Pace con il collega russo Dmitry Muratov, è stata l'unica donna ad essere premiata - e non per meriti scientifici.

I dati pubblicati sul sito della Fondazione Nobel parlano chiaro: dall'istituzione del premio (oltre un secolo fa) i vincitori sono stati in maggioranza uomini bianchi americani. Oltre alle donne, anche gli scienziati di colore spuntano raramente nella lista dei vincitori in materie scientifiche: le poche volte che sono stati premiati, è stato in categorie non scientifiche, come la Pace o la Letteratura (vedi Abdulrazak Gurnah, premiato quest'anno come «uno degli scrittori post-coloniali più influenti del nostro tempo»).

Il secondo martedì di ottobre si celebra l'Ada Lovelace Day, la giornata mondiale dedicata alle donne che si impegnano nelle discipline scientifico-tecnologiche: una ricorrenza dolce-amara anche quest'anno, senza un Nobel da celebrare.
Il secondo martedì di ottobre si celebra l'Ada Lovelace Day, la giornata mondiale dedicata alle donne che si impegnano nelle discipline scientifico-tecnologiche: una ricorrenza dolce-amara anche quest'anno, senza un Nobel da celebrare. © Wikipedia

Sottorappresentate. A cosa è dovuta questa disparità? Davvero il comitato dei Nobel è maschilista, o si tratta di un problema di fondo, per cui ci sono effettivamente meno scienziate che scienziati? Secondo l'Istituto di Statistica dell'UNESCO, le donne rappresentano meno del 30% degli scienziati totali del mondo. Troppo poche, ma comunque ben di più delle 24 scienziate premiate con 25 Nobel (Marie Curie ne ha vinti due) in 120 anni, 25 volte in meno rispetto ai colleghi uomini, a cui sono andate oltre 600 medaglie. Un segnale "positivo", se così si può dire, c'è: la percentuale di donne vincitrici in tutte le categorie sta aumentando, ed è passata dal 4,1% del ventennio 1902-1921 al 12,4% del ventennio 2002-2021.

Un problema di fondo. Göran Hansson, segretario della Royal Swedish Academy, ha dichiarato che non verranno stabilite "quote rosa" o "nere" per limitare le disparità di sesso e razza: «è davvero triste che così poche donne ricevano il Nobel», afferma, «ma questa ingiustizia è il riflesso della società in cui viviamo: abbiamo ancora molto lavoro da fare».

Donne e Nobel
Nell'immagine, in giallo le donne premiate con il Nobel in materie scientifiche, in viola quelle premiate con il Nobel per la Pace o la Letteratura, in grigio gli uomini premiati in qualunque categoria. © Nobel Foundation | Statista

È vero che in un mondo privo di discriminazioni non dovremmo nemmeno domandarci quante donne o quanti neri abbiano ricevuto un determinato premio, ma solo, al limite, se sia stato un riconoscimento meritato. Ma quel mondo è ancora un'utopia, e lo dimostra il fatto che la vittoria di quattro scienziate in un anno solo (il 2009) stupisca molto più delle decine di medaglie messe annualmente al collo di uomini bianchi. Una domanda sorge spontantea: davvero in 120 anni sono state solo 58 le donne meritevoli di un premio Nobel?

17 ottobre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us