Scienze

La California meridionale è alle prese con un geyser di fango in movimento

Il Niland Geyser, uno stagno di fango che si sposta lentamente nel suolo da 11 anni, ha ultimamente accelerato il passo, arrivando a lambire una strada statale e una ferrovia. Inutili i tentativi di fermarlo.

Uno stagno di fango ribollente sta dando del filo da torcere alle autorità di Imperial County, California meridionale, per una sua inusuale caratteristica: si muove, avanzando nel terreno a velocità che negli ultimi tempi sono bruscamente aumentate.

Il Niland Geyser (dal nome della località dove fu per la prima volta osservato) è noto dal 1953, ma da 11 anni si sposta nel terreno, facendosi lentamente strada nel suolo asciutto. Negli ultimi mesi, è avanzato di 18,3 metri. Dopodiché, in un giorno soltanto, ha macinato altri 18 metri, avvicinandosi pericolosamente alle rotaie di una ferrovia, a una strada a scorrimento veloce, a una conduttura di petrolio e ad alcune linee di fibra ottica per le telecomunicazioni. In totale, dal giorno della sua scoperta, si è mosso di 73 metri.

Il Niland Geyser e le attività tentate per arginarne la corsa. © Imperial County

suolo cedevole. Le pentole di fango o stagni di fango sono strutture geotermali originate da una scarsa quantità d'acqua risalente dal sottosuolo, "condita" con emissioni di CO2 rilasciate da precedenti attività vulcaniche. Muovendosi attraverso la roccia sedimentaria del terreno circostante - in questo caso, l'argillite - questi mix di acqua e gas si mischiano alle polveri creando una fanghiglia chiara e ribollente. Diversamente da altri "punti caldi", in questo caso la temperatura del fango non è alta: è di circa 27 °C. Tuttavia, a parte la tossicità dei fanghi che contiene, la pozza è pericolosa perché mina l'integrità del suolo in cui si muove fino a 9-12 metri di profondità, rendendolo incapace di sopportare il peso di qualunque struttura.

La sorgente della CO2 di questo geyser è collocata all'estremità sud della Faglia di San Andreas, ma la repentina accelerazione dello stagno di fango non è spia di un'aumentata attività sismica. Le pentole di fango sono associate alle zone di confine tra placche tettoniche, ma sono più simili a sinkhole nel mondo in cui "mangiano" il suolo (la differenza con le comuni voragini è che sono pieni di fango).

Irrefrenabile. Alcuni tentativi approntati finora per fermare l'avanzata della pozza sono andati a vuoto. La Union Pacific, la compagnia ferroviaria che gestisce il tratto minacciato dal fango, ha già provato a scaricare massi nel bacino e costruire un muro d'acciaio e pietra largo 30 metri e profondo 23 per proteggere i binari del treno. Non ha funzionato: a ottobre, la fanghiglia puzzolente si è fatta largo nel terreno oltre la barriera, costringendo la compagnia ad allestire un tracciato alternativo, che passi lontano dalla pozza. Se il fango continuerà a spostarsi a questo ritmo, potrà rendersi necessario adottare soluzioni più drastiche, come la costruzione di un ponte.

6 novembre 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us