Scienze

Niente talebani in Medal of Honor

Cambia il nome, ma non la sostanza...

A pochi giorni dal debutto mondiale, il nuovo capitolo dell’appassionante gioco di guerra Medal of Honor, rinuncia a nominare le truppe nemiche "talebani". Hanno vinto le pressioni dell'esercito Usa e dei familiari dei caduti contro la possibilità di impersonare i cattivi.

“Il produttore rinuncia al nome nel videogame, che in sostanza non cambia”

Annuncio sul sito – Dopo varie polemiche, nate soprattutto oltreoceano, per la presenza dei Talebani all’interno del gioco, Electronic Arts cancella quel nome da Medal of Honor. Come ha riportato il produttore Greg Goodrich sul sito ufficiale, il clamore suscitato nei mesi precedenti al lancio ha determinato tale scelta, anche se la casa di produzione aveva già affermato di non aver intenzione di invertire la marcia. I pareri delle famiglie dei caduti sono la chiave di volta: il gioco riporta la nuda e cruda realtà del teatro di guerra afgano, ma i nemici sono diventati un generico “Opposing Force”.

Saga di guerra – Medal of Honor è una serie di sparatutto di successo: dal 1999 ad oggi i capitoli precedenti sono stati ambientati durante la seconda guerra mondiale. Ma gli episodi bellici, alcuni con relativa attinenza storica, altri di pura fantasia, che hanno nazisti, giapponesi e altri soldati dell’Asse tra i protagonisti, non avevano però suscitato tante discussioni quanto questo imminente capitolo sull’attuale guerra in Afghanistan.

Anima del commercio – La pubblicità generata dall’affaire Medal of Honor è un’arma utile per promuovere il prodotto, che ha già stabilito un record di prenotazioni. Il lancio mondiale del videogioco è previsto tra 8 giorni, il 12 ottobre. Mentre sarà disponibile per PC, Playstation 3 ed Xbox 360 nei negozi italiani dal 15 di ottobre.

Videogame spendaccioni. Guarda la gallery!

4 ottobre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us