Scienze

Nella guerra tra Adobe e iPhone, vince Android

Tutta una questione di soldi.

Continua la guerra tra Apple e Adobe: rencentemente la casa della Mela ha aggiunto una nota nel suo Apple's iPhone Developer Program License Agreement, spiegando che non accetta le applicazioni, per iPhone e iPad, prodotte col software Adobe.

D'altro canto Adobe ha annunciato che, da ora in poi, fermerà gli investimenti nella suite CS5, che è lo strumento per la conversione di contenuti Flash per l'iPhone. Ciò perché i telefoni che utilizzano Android, rappresentano adesso una maggior oppurtunità di mercato, nel lungo periodo, per l'azienda di software.

“Adobe senza soldi e taglia gl'investimenti”

Cronologia in Flash - C'è chi crede che il punto focale sia la politica di Adobe sulla tecnologia flash per i device mobili durante gli ultimi anni. Nel 2005 Adobe ha acquistato Macromedia, in quel momento l'inventore della tecnologia Flash aveva già un enorme mercato in Giappone, grazie al suo prodotto Flash Lite per i cellulari nipponici. Ma sbagliati investimenti successivi, svariati tagli dei costi e ridimensionamento della ricerca, gli hanno impedito di vedere con la giusta prospettiva il differente mercato mobile americano ed europeo, in occasione dell'arrivo dell'iPhone. Infatti nel 2008 Adobe proclamava di aver distanziato Microsoft nel segmento dei formati video, non scommettendo però sul nuovo spazio che si stava andando a creare con l'avvento degli smartphone, iPhone in testa.

Scelta strategica - Oggi Adobe ha compreso l'errore e punta a piazzarsi da protagonista nelle applicazioni per futuri cellulari e affini, puntando su altri cavalli, come Android. Infatti l'iPhone non è l'unico telefono al mondo e non esistono studi di terze parti, che certifichino con chiarezza l'incompatibilità tra il cellulare di Cupertino e i software Adobe. Più che un problema tecnologico, pare una questione di puro business.

23 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us