Scienze

Nella guerra tra Adobe e iPhone, vince Android

Tutta una questione di soldi.

Continua la guerra tra Apple e Adobe: rencentemente la casa della Mela ha aggiunto una nota nel suo Apple's iPhone Developer Program License Agreement, spiegando che non accetta le applicazioni, per iPhone e iPad, prodotte col software Adobe.

D'altro canto Adobe ha annunciato che, da ora in poi, fermerà gli investimenti nella suite CS5, che è lo strumento per la conversione di contenuti Flash per l'iPhone. Ciò perché i telefoni che utilizzano Android, rappresentano adesso una maggior oppurtunità di mercato, nel lungo periodo, per l'azienda di software.

“Adobe senza soldi e taglia gl'investimenti”

Cronologia in Flash - C'è chi crede che il punto focale sia la politica di Adobe sulla tecnologia flash per i device mobili durante gli ultimi anni. Nel 2005 Adobe ha acquistato Macromedia, in quel momento l'inventore della tecnologia Flash aveva già un enorme mercato in Giappone, grazie al suo prodotto Flash Lite per i cellulari nipponici. Ma sbagliati investimenti successivi, svariati tagli dei costi e ridimensionamento della ricerca, gli hanno impedito di vedere con la giusta prospettiva il differente mercato mobile americano ed europeo, in occasione dell'arrivo dell'iPhone. Infatti nel 2008 Adobe proclamava di aver distanziato Microsoft nel segmento dei formati video, non scommettendo però sul nuovo spazio che si stava andando a creare con l'avvento degli smartphone, iPhone in testa.

Scelta strategica - Oggi Adobe ha compreso l'errore e punta a piazzarsi da protagonista nelle applicazioni per futuri cellulari e affini, puntando su altri cavalli, come Android. Infatti l'iPhone non è l'unico telefono al mondo e non esistono studi di terze parti, che certifichino con chiarezza l'incompatibilità tra il cellulare di Cupertino e i software Adobe. Più che un problema tecnologico, pare una questione di puro business.

23 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us