Scienze

I Neanderthal cacciavano enormi elefanti in grado di sfamare 100 persone per un mese

Dall'esame di resti di elefante e di strumenti di pietra trovati in Germania, gli scienziati hanno dedotto che i Neanderthal cacciavano gli (enormi) elefanti dalle zanne dritte.

I Neanderthal cacciavano e macellavano regolarmente grossi elefanti per sfamarsi. La scoperta è conseguente a un'analisi di segni lasciati da strumenti di pietra su un cumulo di ossa di questi animali. 

«Questo fa pensare che i nostri "cugini" vivevano in gruppi più numerosi di quanto si sospettasse in precedenza», ha spiegato Wil Roebroeks dell'Università di Leida nei Paesi Bassi che ha pubblicato la ricerca su ScienceAdvances, «o che, data la quantità enorme di carne che ogni elefante metteva a disposizione, erano in grado di lavorarla in modo che non si deteriorasse in tempi brevi. Quegli elefanti sono davvero grandi bombe caloriche per i Neanderthal».

Segni su elefante dalle zanne dritte
I Neanderthal cacciavano e massacravano enormi elefanti, secondo un nuovo studio. Questa foto mostra profondi segni di taglio sull'osso del tallone di un elefante maschio. © Science Advances

Alti quattro metri. Da tempo i paleontologi discutevano tra loro per capire se i Neanderthal fossero in grado o meno di cacciare gli elefanti dalle zanne dritte (Palaeoloxodon antiquus). Erano animali infatti alti quattro metri, quindi più grandi degli attuali elefanti africani e anche dei mammut lanosi. Per dare una risposta definitiva alla domanda, il gruppo di lavoro di Roebroeks ha esaminato con estrema attenzione le ossa di elefante, trovate insieme ad altri resti di animali e strumenti di pietra, in una cava vicino a Halle, in Germania, che venne studiata negli anni '80. 

Le ossa presenti sono fatte risalire a circa 125.000 anni fa, quando i Neanderthal erano gli unici esseri della specie Homo conosciuti nell'area. I resti provenivano da più di 70 elefanti, con alcuni scheletri conservati quasi interamente. Lo studio dei segni lasciati sulle ossa suggeriscono che gli animali vennero completamente macellati per "sradicare" l'ultimo frammento di carne e grasso, inclusi, ad esempio, il loro cervello e tutti i voluminosi cuscinetti di grasso nei loro piedi.

Femore di grande elefante
Sabine Gaudzinski-Windheuser, direttrice del Centro di ricerca archeologica di Monrepos, esamina il femore di un grande elefante maschio adulto per la presenza di segni di taglio fatti da strumenti di selce usati dai Neanderthal. © Science Advances

Ma c'è di più: i ricercatori hanno potuto stabilire che sulle ossa vi erano pochi segni di rosicchiamento lasciati dai carnivori in cerca di cibo, suggerendo che sulla carcassa fosse rimasta pochissima carne. «Forse c'è un po' di mordicchiamento su una vertebra isolata, ma la maggior parte di questi resti erano così puliti da non essere attraenti per i carnivori», afferma un altro membro del team, Lutz Kindler del Museum for Human Behavioral Evolution di Neuwied, in Germania. 

Per sfamare 100 adulti. I ricercatori hanno calcolato che la carne di uno degli elefanti avrebbe potuto sfamare circa 100 adulti per un mese. Ora, sulla base degli antri dove vivevano e sulle orme che lasciavano, si supponeva che i Neanderthal vivessero in gruppi piuttosto piccoli, di circa 25 persone o poco più.

 

«Se un gruppo più piccolo di 25 persone avesse ucciso un elefante, avrebbe  dovuto impiegare dai tre ai cinque giorni per lavorare e macellare la carcassa dell'animale in modo che non si deteriorasse, ad esempio essiccandola o affumicandola. Ma anche in tal caso di carne ne sarebbe avanzata tantissima», dice Roebroeks, il quale continua: «I segni sulle ossa indicano indubbiamente che la carne non è stata lasciata a marcire, quindi per dare un senso a ciò bisogna ipotizzare che vivevano in gruppi più numerosi di venticinque». 

Caccia al solitario. La ricerca ha messo in luce che tra i resti vi era una percentuale maggiore di elefanti maschi e anziani, suggerendo che i Neanderthal stessero prendendo di mira specificamente quegli animali, piuttosto che lavorare quelli già morti per cause naturali. Questo ha un senso, poiché negli elefanti moderni i maschi più anziani tendono a vivere da soli. «Prendere di mira i solitari avrebbe reso più facile la caccia», dice Roebroeks, «poiché potevano essere spinti in trappole o in aree fangose dove sarebbe stato più facile ucciderli». 

12 febbraio 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us