Scienze

Molti vulcani sembrano spenti, ma sono solo dormienti. Guarda il "respiro" dell'Etna

Attenzione ai vulcani che sembrano spenti, in realtà potrebbero essere solo dormienti e risvegliarsi di colpo. È questo quanto si è scoperto tenendo sotto...

Attenzione ai vulcani che sembrano spenti, in realtà potrebbero essere solo dormienti e risvegliarsi di colpo. È questo quanto si è scoperto tenendo sotto controllo alcuni vulcani ritenuti ormai inattivi attraverso l’uso di satelliti. Come avvenne con il
nel 2010 un’eruzione in certe aree del pianeta può avere serie conseguenze sulla vita sociale dell’uomo e quindi è giusto essere il più possibile al corrente della situazione di tutti i vulcani della Terra. Sotto stretta sorveglianza Attualmente dei circa 440 vulcani attivi presenti sul nostro pianeta, ben 384 sono monitorati solo superficialmente e tra questi ve ne sono ben 65 molto pericolosi per milioni di persone. Per questo motivo almeno un rilevamento costante dal cielo, come ha fatto negli ultimi anni il satellite dell’Esa Envisat (purtroppo in questi giorni un guasto l'ha messo fuori servizio), può essere di grande aiuto per verificare se un vulcano può essere vicino ad una prossima eruzione. Radar spaziali Envisat e satelliti simili utilizzano la tecnica chiamata Interferometric Synthetic Aperture Radar che dà modo, attraverso l’invio di onde radar al suolo, di verficare se vi sono variazioni della superficie della Terra tra due o più passaggi del satellite. Piccoli cambiamenti della morfologia del suolo infatti fanno variare i tempi di risposta delle onde radar che possono essere evidenziate su una carta con diversi colori. Queste carte vengono chiamate “Interferogrammi SAR”.

Dai dati radar Envisat raccolti tra gennaio 2009 e aprile 2010 si evidenzia come nel Rift dell'Etiopia, dove si trova una catena di vulcani, si siano stati considerevoli movimenti. Gli anelli concentrici alla base dei vulcani Alutu, Corbetti e Bora indicano le deformazioni. Ogni anello corrisponde a 2,8 cm di movimento. Credits: J. Biggs, Università di Bristol
La causa delle variazioni morfologiche di un’area vulcanica è legata ai movimenti del magma sotto la superficie terrestre che può gonfiare il suolo sovrastante se questi si avvicina alla superficie o sgonfiarlo se il magma va in profondità o se una camera magmatica si svuota per motivi diversi. Molti vulcani attivi si trovano in aree molto difficili da raggiungere e lo screenning dal cielo può essere di notevole aiuto almeno in una fase iniziale di controllo. Nel caso poi si osservino degli indizi di un possibile avvicinamento del magma alla superficie si può intervenire con strumenti da posizionare sul suolo e ottenere informazioni più precise. Utilizzando la tecnica satellitare la ricerca ha messo in luce che alcuni vulcani ritenuti ormai morti in realtà mostrano segni di un possibile ritorno all’attività.

Un esempio è il vulcano Longonot che si trova in Kenya. Il satellite Envisat ha mostrato che durante l’arco di tempo tra il 2004 e il 2006 i fianchi del vulcano si sono alzati di ben 9 centimetri. Il post continua sotto l'immagine del respiro dell'Etna.

Qui sopra invece vediamo il “respiro dell’Etna”, ossia il movimento ripetuto di rigonfiamento e sgonfiamento dei fianchi del vulcano come conseguenza della risalita del magma e della sua fuoriuscita tra il 1992 e il 2001. Spiega Juliet Biggs dell'Esa, esperta di interferometria satellitare: “Da quando ho iniziato questo tipo di ricerca, una decina di anni fa, le potenzialità di riuscire a tenere sotto controllo molti vulcani della Terra con i satelliti si sono espanse notevolmente e quindi è una strada che deve essere assolutamente incoraggiata”.

17 aprile 2012 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us