Scienze

Microraptor, il dinosauro con le piume iridescenti

Secondo gli studiosi il piumaggio di questi piccoli dinosauri con quattro ali vissuti 125 milioni di anni fa aveva riflessi colorati come quello dei corvi di oggi.

Non poteva competere con i tirannosauri o i triceratopi, eppure il fossile del piccolo dinosauro Microraptor zhaoianus si sta rivelando molto più interessante di alcuni suoi enormi cugini. Soprattutto perché adesso sappiamo addirittura che colore avesse.
Microraptor è un fossile trovato in Cina nel 2010 ed è stato assegnato dai paleontologi al gruppo dei Paraves, che comprende dinosauri veri e propri, come il velociraptor o il dromeosauro, gli uccelli e i loro antenati.

Come i corvi
I suoi fossili sono diffusissimi (ne sono stati trovati in Cina circa 300) e molti sono ben conservati: proprio esaminando con il microscopio minuscoli frammenti di un fossile, i ricercatori cinesi hanno scoperto che le penne erano dotate di minuscole vescicole che contenevano melanina (melanosomi).

La disposizione delle vescicole e l'alternanza con strati di cheratina, e la somiglianza con strutture di uccelli moderni, ha suggerito che il colore delle penne fosse di un bel nero, con una debole iridescenza blu: non molto diverso quindi dagli odierni corvi o dai gracchi comuni americani (Quiscalus quiscula). Il colore era presente sulla maggior parte delle penne, anche sulle “ali” che il Microraptor aveva sulle zampe posteriori (e che servivano forse per stabilizzare le planate).

Uccelli diurni
Il fatto che il dinosauro fosse colorato e appariscente ha fatto pensare i paleontologi che molto probabilmente avesse una vita diurna, contrariamente a quanto avevano concluso altri studiosi; dalla struttura dell'anello di ossicini attorno all'occhio questi avevano ritenuto che la specie si aggirasse per i cieli del Cretaceo. Per scoprire lo stile di vita delle specie estinte, anche la colorazione è importante.

12 marzo 2012 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us