Scienze

Materiale radioattivo: ora lo si può "vedere" anche dopo la rimozione

Una nuova tecnica di analisi consente di identificare le tracce di ordigni nucleari o di scorie pericolose anche parecchio dopo che sono stati spostati.

Presto chi lavora nell'ambito del disarmo nucleare o nella gestione di rifiuti radioattivi potrebbe avere uno strumento in più su cui contare. Un gruppo di ricercatori statunitensi sta testando la funzionalità di una tecnica per rintracciare la passata presenza di ordigni o scorie in un luogo, anche dopo che questi sono stati spostati.

Il metodo messo a punto dagli ingegneri nucleari della North Carolina State University consentirebbe di individuare in un ambiente le tracce di una bomba sporca (un ordigno costituito da materiale radioattivo che viene disperso da esplosivo convenzionale) persino dopo un anno dalla sua rimozione.

Fuori posto. La tecnica si basa sul fatto che le radiazioni modificano la disposizione degli elettroni di valenza (quelli del guscio energetico più esterno dell'atomo) nei materiali isolanti di un ambiente, come mattoni e ceramica. Analizzando vari campioni di questi materiali si può capire se quell'ambiente ha ospitato materiali radioattivi e, a grandi linee, di quali dimensioni e dove fossero disposti.

Di che tipo? Poiché le diverse fonti radioattive hanno anche una differente distribuzione di raggi gamma, raggi X e altre forme di radiazioni elettromagnetiche, e poiché ogni forma di energia penetra nei materiali isolanti con diversa intensità, analizzando i campioni a varie profondità è possibile capire di che tipo di materiale radioattivo si trattasse.

Si può cioè distinguere, anche se non in modo del tutto preciso, se in quel luogo fossero presenti scorie nucleari naturali, di origine medica, industriale o sotto forma speciale (usati per fabbricare ordigni nucleari).

Che cosa significa. La tecnica è perfezionabile, ma in un mondo segnato dagli sforzi di non proliferazione nucleare - e dai tentativi di aggirarli - poter contare su una simile traccia potrebbe voler dire assicurarsi che i materiali pericolosi non possano più essere del tutto nascosti.

7 luglio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 29,90€
Follow us