Scienze

Il mantello dell'invisibilità fai-da-te

Scienziati americani dell'Università di Rochester hanno messo a punto un sistema di lenti che rende invisibili. Ed è così semplice che basta un po' di bricolage per costruirlo. Ecco come.

Il mantello di Harry Potter non lo supera nessuno anche se gli scienziati ci provano da anni. Adesso però una nuova invenzione potrebbe trasformare la fantasia in realtà: il fisico John Howell dell’Università di Rochester (USA) e il suo studente Joseph Choi hanno infatti inventato un metodo che permette di rendere invisibili gli oggetti grazie a un sistema ottico che consiste in quattro comuni lenti.

Come funziona. Le lenti sono posizionate una dietro l’altra, a una certa distanza prestabilita. Quando si inserisce un oggetto tra le lenti e si guarda attraverso di esse, l'oggetto in questione... scompare.

Questo accade perché le lenti sono collocate in modo tale da deviare la luce e fanno sì che l’onda elettromagnetica non colpisca l’oggetto posto nel "dispositivo".

Il laser che attraversa il sistema ottico rende visibile il percorso della luce tra le lenti, e mostra le zone che possono essere usate per nascondere gli oggetti. © J. Adam Fenster/University of Rochester

Semplice genialità. Ciò che rende unico il loro lavoro è che i ricercatori americani hanno elaborato la giusta combinazioni di lenti, diverse a due a due per lunghezza focale, che permette di non avere distorsione nella visione dello sfondo anche se non si guarda perfettamente al centro della fila di lenti.

Magia? No, un nuovo metodo per far sparire gli oggetti. © J. Adam Fenster University of Rochester

Il sistema, dicono gli inventori, potrà avere diverse applicazione: una volta miniaturizzato potrebbe essere inserito negli specchietti delle vetture per eliminare i punti ciechi o come ausilio ai chirurghi che potranno vedere attraverso le loro mani mentre operano.

Fai da te. Questo non è il primo studio che vede protagonisti metodi capaci di occultare un oggetto alla vista: sono infatti anni che gli scienziati ideano, per esempio, materiali artificiali che controllano il passaggio della luce. Però quella dell’Università di Rochester è finora l’invenzione più semplice e anche economica (la spesa per costruirla è stata di 1.000 dollari pari a circa 800 €).

E con un po’ di ingegno e manualità è possibile fabbricare il dispositivo e magari provare l’ebrezza di far “sparire” qualcosa.

Ecco cosa serve per farsi in casa il proprio “mantello dell’invisibilità”.

Ecco lo schema per provare a costruire il proprio "mantello dell'invisibilità". © University of Rochester

  • Procuratevi 2 coppie di lenti con differenti lunghezze focali f1 e f2
  • Separate le prime 2 lenti della somma delle loro lunghezze focali (la lente f1 è la prima, f2 è la seconda e sono separate da t1= f1+ f2)
  • Fate la stessa cosa con le altre due lenti
  • Separate le due coppie da t2=2 f2 (f1+ f2) / (f1 f2), così che le due lenti f2 siano a una distanza t2
  • I ricercatori hanno usato lenti di 50 mm con lunghezza focale rispettivamente di 200 mm per f1 e 75 mm per f2.

    il video dell'esperimento

    2 ottobre 2014 Paola Grimaldi
    Ora in Edicola
    Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

    Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

    ABBONATI A 29,90€

    Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

     

    ABBONATI A 31,90€
    Follow us