Scienze

L'uragano Matthew visto dallo Spazio

Quasi tutte le cose che sconvolgono la Terra sembrano tranquille, dalla ISS. Non questo enorme ciclone caraibico che, filmato dalla Iss, occupa da solo tutta l'inquadratura. 

Il 3 ottobre 2016 la Stazione spaziale internazionale è transitata a 400 km di quota sopra all'uragano Matthew, il più potente ciclone caraibico dell'ultimo decennio, che dopo aver devastato Haiti - dove ha provocato la morte di almeno 22 persone - si sta ora dirigendo verso la costa orientale degli Usa.

Nell'occhio del ciclone. Il carico di distruzione portato dalla tempesta di categoria 4 (il penultimo grado di intensità), con venti fino a 230 km orari, è perfettamente visibile anche dalla Iss. Il filmato è stato qui accelerato di 4 volte. Con un diametro di centinaia di chilometri, l'uragano Matthew occupa da solo buona parte dell'inquadratura della telecamera, che riprende anche l'occhio, al centro, ossia un'area di relativa calma visibile dall'alto come priva di nuvole.

Il motore della tempesta. I potenti uragani come questi sono alimentati dalle alte temperature oceaniche e dalla presenza di venti deboli nell'alta atmosfera (che non riescono a sottrarre calore e umidità al sistema). In condizioni come queste, un ciclone tropicale può durare anche diversi giorni.

6 ottobre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us