Scienze

LHC bloccato da una faina

Il povero animale si è introdotto in un trasformatore, mandando in tilt l’intero acceleratore. Due giorni di lavori per riparare il danno.

Il Large Hadron Collider del Cern di Ginevra è uno dei luoghi più controllati del pianeta. Ma una faina è riuscita a passare ogni controllo e infilarsi al suo interno. Non è stata una delle scelte migliori per il povero animale che, pur non essendo arrivato nei tunnel sotterranei, dove corre l'anello in cui girano i protoni, è finito in un trasformatore ad alta tensione. La sua intrusione le è costata la vita e anche un grave problema alla distribuzione dell’energia elettrica. I tecnici del laboratorio sono subito intervenuti, ma ci sono voluti due giorni per riparare i danni della visita della donnola.

Un controllo dei tunnel sotterranei © CERN

ORA è TUTTO OK. Il Cern ha spiegato in un comunicato quel che è avvenuto e un portavoce ha detto che non c’è da sorprendersi se un piccolo animale come una faina sia riuscito a infilarsi nei sistemi elettrici che si trovano all’aperto.

Nel 2009 sembra che un problema simile (seppur di minor gravità) sia stato causato da un uccello, del quale però non si sono trovate tracce.

Lunedì, comunque, le ricerche potranno ripartire come da manuale.

I sistemi di sicurezza comunque sono tali che nessuno potrebbe riuscire ad arrivare ai tunnel del laboratorio. Va ricordato che l’LHC, è la “grande macchina” che ha permesso la scoperta del bosone di Higgs.

Tra il 2013 e il 2015 il laboratorio è stato aggiornato e ora lavora con una potenza quasi dopiia rispetto alla prima fase. Con i nuovi esperimenti si spera di poter trovare particelle come i pentaquark, i gravitoni e le particelle che possono dare vita alla materia oscura.

1 maggio 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us