Scienze

In diretta dalla sala di controllo di LHC

È stata completata la fase di raffreddamento di LHC: tre mesi di lavoro per portare magneti e componenti criogeniche a una temperatura molto vicina allo zero assoluto. (Paola Catapano, dal Cern di Ginevra, 19 ottobre 2009)

13 OTTOBRE: TUTTO L'ANELLO RAFFREDDATO A 1,9 K.
L'ultima "fumata bianca" si è levata nel cielo di Ginevra, sul settore 3-4 di LHC, l'ultimo a essere raffreddato alla temperatura di 1,9 kelvin, ossia quasi -272 °C! La fumata (v. foto) è il residuo dell'azoto liquido a 80 kelvin (-193,15 °C) immesso nel circuito dei magneti superconduttori per la prima fase del raffreddamento. Ed è totalmente innocua, visto che l'80% dell'aria che respiriamo è composta da azoto.
Il "salto" successivo del raffreddamento, da 80 a 4 K, comporta il passaggio dell'elio attraverso uno speciale liquefattore e una serie di compressori giganteschi, alimentati da 40 megawatt di elettricità, che fanno di LHC l'impianto criogenico più grande del mondo. Poi, a 100 metri sotto terra, altri compressori a 15 mbar raffreddano l'elio da 4 a 1,9 K prima di immetterlo nel circuito parallelo all'anello dell'acceleratore che trasporta l'elio liquefatto (la cosiddetta QRL).

CONDUTTORI PERFETTI Attualmente tutti i magneti superconduttori di LHC (circa 3.000) e le altre componenti criogeniche sono alla temperatura nominale di 1,9 K: dunque un'altra fase decisiva per la ripresa dell'acceleratore è completata, dopo 3 mesi di lavoro, 10.000 tonnellate di azoto e 130 di elio.
LHC deve essere raffreddato a queste temperature estreme perché nei suoi magneti superconduttori passano fino a 13.000 ampere di corrente elettrica in uno spessore più sottile di un mignolo, senza perdite, e questo può succedere solo a temperature vicine allo zero assoluto (0 K, equivalente a -273,15 °C). La missione del team criogenico del CERN non è finita, perché bisogna adesso mantenere queste temperature durante tutta la fase di operazione.

Paola Catapano lavora al Cern di Ginevra nell'ufficio comunicazione, a stretto contatto con gli scienziati che lavorano con l'Lhc e ne analizzano i risultati. Grazie a lei e ai suoi articoli, Focus.it vi aggiornerà nei prossimi mesi sugli esperimenti dell'Lhc.
Clicca qui per consultare tutti gli aggiornamenti dall'Lhc in ordine cronologico inverso (dal più recente al più vecchio)

19 ottobre 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us