Focus

Le salamandre giganti del tardo Triassico

Dopo la scoperta del coccodrillo-macellaio extralarge, è ora la volta delle salamandre grandi come automobili che precedettero i dinosauri. I loro fossili sono stati rinvenuti in un lago prosciugato del Portogallo.

2000
Una rappresentazione artistica di alcuni esemplari di Metoposaurus algarvensis. | University of Edinburgh

In principio fu il T-rex. Ma non è che prima le cose fossero poi così tranquille: i fossili di un gigantesco anfibio carnivoro grande come un'utilitaria, che presidiava fiumi e laghi all'alba della comparsa dei dinosauri, sono stati rinvenuti in un sito del tardo Triassico, in Portogallo.

 

Identikit di un colosso. La nuova specie, ribattezzata Metoposaurus algarvensis e simile in tutto e per tutto (meno che nelle dimensioni) a una salamandra, poteva crescere fino a 2 metri, e si nutriva di pesce. Le ossa ritrovate dai ricercatori dell'Università di Edimburgo (Scozia) risalgono a 230-220 milioni di anni fa, un periodo che coincide con la comparsa dei primi dinosauri terrestri.

 

Il coccodrillo macellaio che camminava su due zampe

 

all'asciutto. I fossili sono stati scoperti in un mucchio di pietre argillose a Loulé, nella regione dell'Algarve (Portogallo), in quello che un tempo doveva essere il letto di un lago. Quando l'acqua evaporò, gli animali che vivevano al suo interno morirono: il sito, in parte ancora inaccessibile, potrebbe contenere le ossa di centinaia di anfibi periti.

 

Nuova specie. L'animale è il primo membro della famiglia dei Metoposaurus scoperto nella penisola iberica (altre testimonianze sono state trovate in Germania, Africa, India, Polonia e Nord America). Caratteristiche come la struttura della mascella e parti del cranio all'innesto della colonna vertebrale, fanno pensare si tratti di una specie mai descritta prima. Un animale con la testa appiattita somigliante a una tavoletta per wc, costellata di migliaia di denti aguzzi.

 

ferite di guerra. Nonostante la stazza, le zampe sottili dei Metoposaurus non consentivano lunghe permanenze a terra. Ecco perché il prosciugamento del lago decretò la loro fine. Alcuni esemplari trovati in altre parti del mondo presentano sulle ossa i segni dei morsi dei primi dinosauri. Ma i "lucertoloni" si sarebbero sviluppati nei milioni di anni successivi.

 

La fine dei giganti. I Metoposaurus si estinsero invece con i cambiamenti geologici innestati dalla disgregazione del super continente Pangea: imponenti terremoti ed eruzioni vulcaniche che portarono alla sparizione di quasi tutti i vertebrati, spianando la strada ai dinosauri.

 

25 marzo 2015 | Elisabetta Intini