Scienze

Le pistole laser della polizia USA

Il raggio verde non è letale.

Dopo i proiettili di gomma e i bazooka lanciareti, la polizia di alcuni stati del Nord America ha una nuova arma nel suo arsenale: le pistole a raggi laser verdi. Non si tratta di armi letali, ma il potenziale offensivo è molto alto.

“Una nuova arma non convenzionale, il cui raggio laser acceca criminali e aggressori”

Raggi laser – Si chiama Dazer Laser ed è una pistola che emana un raggio laser che acceca e disorienta i criminali, provocando in alcuni casi anche nausea. Per colpire il malvivente occorre puntare l’arma sempre ad altezza del viso e, anche se il bandito indossa un paio di occhiali da sole e persino se chiude gli occhi, rimarrà accecato per diversi minuti. Il raggio d’azione del laser va da un metro a quasi due chilometri e mezzo, per questo l’azienda che produce l’arma afferma che è particolarmente indicata nelle aggressioni e nei casi di sequestro con ostaggi.

Luce verde – Il raggio che la pistola emette è un laser di colore verde, che è un raggio di luce che non ha un’intensità letale. In passato alcuni progetti di armi non convenzionali avevano impiegato i canonici laser a infrarossi, la cui frequenza e potenza era però molto alta: il rischio era di danneggiare irreparabilmente la retina degli occhi del soggetto colpito, causando cecità permanente. Con lo speciale raggio laser a luce verde viene invece assicurata dai produttori una cecità solo temporanea, il cui effetto va scemando col passare del tempo.

Solo per le autorità – La pisolta laser e il suo cuginetto Guardian, che è una sorta di torcia con minor effetto e che copre una minore distanza, non si possono comperare: entreranno a far parte delle forniture ufficiali di alcune forze di polizia USA e sono allo studio le possibili applicazioni in ambito bellico, come durante le operazioni di dispersione di folle e civili ostili.

Le supercar della polizia. Guarda la gallery!

29 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us