Scienze

Le mutande per astronauti

Neutralizzano batteri e cattivi odori per un mese

Gli astronauti impegnati in missioni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, non hanno certo vita facile: non possono rinnovare il proprio guardaroba e neanche usare la lavatrice o stendere i panni. Ecco perché queste mutande mensili e antibatteriche giapponesi potrebbe andare a ruba nello spazio.

“Te le tieni addosso anche un mese senza insospettire gli altri con cattivi odori”

Un paio al mese – L’invenzione è della giapponse Goldwin, società specializzata in abbigliamento tecnico sportivo, che spazia (scusate il gioco di parole) dal nuoto allo sci e commercializza diversi prodotti appositamente brevettati. Ora ha lanciato, al ragionevole prezzo di circa 20 dollari, un nuovo capo di abbigliamento intimo: i boxer antibatterici. Le mutande, create con ampio utilizzo di nanotecnologie, contengono un infuso di eucalipto per combattere i cattivi odori e sono in grado di assorbire fino a 4 litri di sudore. In più sono antibatteriche, antistatiche e persino resistenti al fuoco.

Già provate nello spazio – L’astronuta giapponese Koichi Wakata, che ha vissuto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nel 2009, ha già testato questo singolare capo di biancheria intima e con grande soddisfazione: racconta di aver indossato, per tutto il mese di permanenza sulla Stazione Spaziale, le stesse mutande con cui era partito dalla Terra. E nessun coinquilino della Stazione Spaziale pare essersi mai lamentato.

Guarda la gallery della casa Star Wars.

29 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us