Scienze

Le migrazioni che popolarono il Nuovo Mondo

Due diversi studi affrontano - con conclusioni opposte e sorprendenti - il tema della prima colonizzazione delle Americhe da parte degli avi dei nativi americani.

Gli antenati dei nativi americani raggiunsero quello che per noi è il Nuovo Mondo non prima di 23 mila anni fa, in una singola ondata migratoria attraverso la Beringia, la striscia di terra e ghiacci che un tempo connetteva Alaska e Siberia. Solo in un secondo momento si sarebbero differenziati nelle diverse popolazioni le cui famiglie genetiche sono rintracciabili ancora oggi.

È la conclusione di uno studio del Centre for GeoGenetics dell'Università di Copenhagen pubblicato su Science, che prova a far luce su tempi e modi delle antiche migrazioni sul continente americano.

Punti critici. Rilievi archeologici noti da tempo dimostrano che il Nuovo Mondo era già popolato degli antenati dei nativi americani 15 mila anni fa. Ma alcune domande rimangono aperte: quando avvennero questi movimenti migratori? In quante ondate? E quanto tempo queste popolazioni trascorsero in Beringia?

Pausa intermedia. Per gli scienziati danesi, tutti i nativi americani discendono da una singola migrazione iniziale avvenuta non più di 23 mila anni fa: poiché i rilievi archeologici collocano i primi segni della presenza umana nel continente 15 mila anni fa, queste popolazioni di origine euroasiatica dovettero sostare nell'istmo di terra tra Alaska e Siberia per 8 mila anni, prima della spinta finale che li condusse nel Nuovo Mondo.

Separazione. La diversificazione nelle tribù di nativi americani che ancora oggi conosciamo, inclusa quella tra i due maggiori sottogruppi, gli amerindi (gli indiani dell'America settentrionale e gli indios dell'America meridionale) e gli athabascan (i primi abitanti dell'interno dell'Alaska), dovette avvenire successivamente, circa 13 mila anni fa, con lo scioglimento dei ghiacci e l'apertura di nuove rotte migratorie all'interno del Nord America.

Parenti lontani. Un secondo studio della Harvard Medical School di Boston (Massachusetts) pubblicato in contemporanea su Nature, rivela invece un inaspettato legame genetico tra alcune popolazioni native americane dell'Amazzonia brasiliana e gli indigeni australiani e guineiani. In particolare i membri di due tribù amazzoniche, i suruí e i karitiana, sarebbero geneticamente più vicini agli aborigeni di Australia e Papua Nuova Guinea di quanto non lo siano agli euroasiatici.

Sparita. Questa inaspettata "parentela" sarebbe la traccia - secondo i ricercatori - di una misteriosa popolazione ora scomparsa, denominata "Popolazione Y": distanti antenati di origine asiatica delle popolazioni australiane che, come gli avi dei primi americani, attraversarono la Beringia, per essere poi soppiantati del tutto dai nativi d'America nei millenni successivi.

Disaccordo. Questa migrazione, secondo il gruppo di Harward, sarebbe avvenuta più di 15 mila anni fa: si tratterebbe dunque di una seconda ondata migratoria rispetto a quella dei nativi americani.

Una conclusione opposta a quella del gruppo di Copenhagen: i due team stanno ora lavorando insieme per capire come e se le loro ipotesi possano essere conciliate.

29 luglio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us