Le correnti oceaniche come quadri

Percorso e temperature dell'acqua evidenziati in technicolor a partire dai dati satellitari: gli oceani terrestri come non li avete mai visti. Guarda anche il video delle correnti oceaniche di superficie che assomigliano a un quadro di Van Gogh

L'effetto è quello di una Notte stellata di Van Gogh, o di una fioritura di fitoplancton. Ma quelle che vedete in questa inedita veste a colori, sono le correnti che solcano gli oceani terrestri alle diverse latitudini e profondità. I colori si riferiscono alla temperatura dell'acqua: in rosso-rosa sono indicate le calde acque tropicali, in verde quelle più fredde nelle fasce temperate. Nell'immagine, la controcorrente equatoriale del Pacifico (in rosa al centro e sulla sinistra) e la corrente del Golfo (a destra, nell'Atlantico).

I dati su distribuzione e temperature sono tratti dalle rilevazioni satellitari di Nasa ed Esa. Monitorati dall'alto, gli oceani terrestri emettono radiazioni nell'infrarosso e nelle microonde; dall'ampiezza di queste onde è possibile dedurre la temperatura dell'acqua. Nell'immagine, la corrente del Golfo, che nasce nel Golfo del Messico e mitiga il clima europeo, e alcune calde correnti equatoriali.
Oceani, quante ne sai? Mettiti alla prova con un test

La corrente nord equatoriale e quella sud equatoriale, nel Pacifico, separate dalla controcorrente equatoriale. La misurazione delle correnti oceaniche è di fondamentale importanza per lo studio del clima e dell'innalzamento delle temperature, ma anche per la navigazione marittima, per gli studi sull'inquinamento delle acque e per le valutazioni di resa di impianti energetici offshore.

Le correnti oceaniche più fredde nell'Atlantico nordorientale, nel Mediterraneo e lungo le coste del Nord Africa.

La corrente Kuroshio si muove dal Pacifico occidentale in direzione nord est, verso il Giappone. Il suo effetto mitigatore è simile a quello che ha sull'Europa la corrente del Golfo, perché trasporta acqua calda verso le più alte e fredde latitudini. Kuroshio significa "corrente nera", perché per le sue condizioni di temperatura e salinità, appare più scura delle acque circostanti.

La controcorrente equatoriale (che fluisce verso est nei pressi dell'equatore) attorno alle Isole Galapagos (al centro).

La corrente di Agulhas, che dall'Africa orientale si estende verso la punta del continente (capo Agulhas, Sudafrica). Questa corrente trasporta acque calde dall'oceano Indiano in direzione ovest, per poi generare correnti di ritorno che fluiscono verso est. Entrando in contatto con l'Atlantico influenza in parte anche il clima europeo.

Le correnti fredde nel nord est dell'Atlantico che toccano Europa e coste africane.

La corrente del Golfo (nella parte più alta dell'immagine, sulla sinistra) e le più calde correnti equatoriali (in basso).

La corrente di Agulhas Current (al largo dell'Africa orientale) e le sue controcorrenti più fredde, verso la punta sudafricana; al centro, la calda corrente sudequatoriale; in basso a destra, le acque più fredde della corrente occidentale australiana.


Guarda anche: il video delle correnti oceaniche di superficie che assomigliano a un quadro di Van Gogh

L'effetto è quello di una Notte stellata di Van Gogh, o di una fioritura di fitoplancton. Ma quelle che vedete in questa inedita veste a colori, sono le correnti che solcano gli oceani terrestri alle diverse latitudini e profondità. I colori si riferiscono alla temperatura dell'acqua: in rosso-rosa sono indicate le calde acque tropicali, in verde quelle più fredde nelle fasce temperate. Nell'immagine, la controcorrente equatoriale del Pacifico (in rosa al centro e sulla sinistra) e la corrente del Golfo (a destra, nell'Atlantico).