Scienze

Le Cascate del Niagara senza acqua

Siamo abituati a vedere le Cascate del Niagara come in questa foto qui a fianco (cliccaci sopra se vuoi gustarla al meglio). Non si tratta di cascate...

Siamo abituati a vedere le Cascate del Niagara come in questa foto qui a fianco (cliccaci sopra se vuoi gustarla al meglio). Non si tratta di cascate particolarmente alte in quanto l'acqua fa un salto di soli 52 metri, e neppure quelle che lasciano cadere la maggior quantità d'acqua al mondo. Ma sono famose perché belle e anche perché proprio sul confine tra Canada e Stati Uniti. Dicevo, siamo abituati a vederle con tanta acqua o al più con ghiaccio, quando scende il gelo invernale. Ma vedere il salto delle cascate del Niagara senz'acqua è davvero una cosa strana. In realtà successe nel 1969 quando le acque vennero deviate per mettere in atto un piano per limitare l'erosione. Ed ecco qui una foto dove le cascate risultano senz'acqua (vedi anche il video a fine post).

Le cascate del Niagara senza acqua. Giganteschi blocchi alla base dimostrano che la cascata sta erodendosi
Le cascate scompariranno Forse qualcuno si chiederà: "Ma le cascate si erodono?" La risposta è tassativamente si. Se osservate i grandi massi alla base della cascata, solitamente ricoperti dall'acqua, dimostrano che la cascata si erode pian piano e arretra, ossia il salto si sposta verso monte. Va a finire che la cascata può scomparire o può ritrovarsi a saltare a decine o centinaia di chilometri da dove si trova oggi. Ma fra quanto? Beh, fra migliaia di anni, anche se, nel caso delle Niagara un arretramento anche di poche centinaia di metri renderebbe obsolete le strutture costruite per osservarle la meglio

Anno 1969. Le acque delle cascate del Niagara non ci sono più.
9 settembre 2013 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us