Scienze

Le canzoni si esauriranno, una volta finite tutte le combinazioni di note?

Si può rispondere con un’analogia. In pittura ci sono i colori primari, blu, giallo e rosso, fondamentali della tavolozza. Da essi discende la varietà infinita delle possibilità pittoriche, di ogni tempo e stile. Difficile immaginare che possa esaurirsi la pittura, dato che alle combinazioni cromatiche (e stilistiche) già sperimentate, ogni epoca ne ha aggiunte altre, nuove o riprese da stili precedenti. La stessa cosa avviene in musica. Da sempre l’artista musicale ha ricombinato stili e generi in nuove forme o in forme derivate. La canzone si muove in questo secolo sullo stesso sistema impiegato da Bach, Mozart e Beethoven. Questo sistema è basato su due “modi”, maggiore e minore, con i quali si caratterizza sia un brano classico sia una canzone moderna (la Toccata e fuga di Bach è in re minore, la stessa tonalità di Michelle dei Beatles). Nulla vieta, però, che in futuro la canzone cambi sistema: teoricamente potrebbe nascere una “dodecafonia leggera” (la dodecafonia è un sistema in cui i 12 suoni, per esempio quelli dei tasti bianchi e neri di un pianoforte che costituiscono un’ottava, sono posti in relazione paritetica uno con l’altro, senza che i loro rapporti siano riferibili a un suono fondamentale, come avviene invece nel sistema dei “modi”). Oppure potrebbe riguardare le parole e la forma con la quale scriverle. È quello che ha tentato Lucio Battisti nelle ultime produzioni. Non c’è quindi pericolo che la canzone si esaurisca, anche se potrebbe trasformarsi in qualcosa di molto diverso.

26 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us