Scienze

Le "braccia" corte del T. rex? Un'arma da taglio micidiale

Le tozze zampe anteriori erano abbastanza forti e veloci da infliggere profonde ferite alla preda, colpendola da distanza ravvicinata: se non altro, era così nei dinosauri giovani.

Il fatto che gli arti anteriori del Tyrannosaurus rex si presentassero corti e sproporzionati, rispetto al resto del corpo, non implica che fossero per forza inutili. Secondo Steven Stanley, paleontologo dell'Università dell'Hawaii a Manoa, erano anzi armi da taglio molto efficaci, studiate apposta per colpire la preda da molto vicino. Lo scienziato ha presentato l'ipotesi durante il meeting annuale della Geological Society of America a Seattle.

Contrapponendosi a una diffusa teoria che vede in questi arti (lunghi circa un metro, rispetto ai 12 metri di lunghezza di un esemplare adulto) semplici e non più utilissime vestigia dell'evoluzione, Stanley sostiene che la "presa corta" e le dimensioni delle zampe potevano rappresentare un valore aggiunto.

Senza via di scampo. «Sia che il T. rex montasse sul dorso della vittima, sia che la afferrasse con le fauci, questi arti corti e forti, muniti di due grossi artigli, gli permettevano di infliggere quattro tagli lunghi un metro e profondi diversi centimetri ogni pochi secondi» scrive lo scienziato.

Aggiungendo che il predatore poteva ripetere questi attacchi più volte e in rapida successione. Ne sono la prova le ossa robuste di queste zampe, il grosso coracoide (l'osso della spalla da cui hanno origine i muscoli degli arti anteriori) e la testa omerale (nel punto di incontro tra arti e spalla) che dava alle "braccia" un'ampia mobilità. Anche i due artigli lunghi fino a 10 cm infliggevano ferite troppo profonde ed efficaci, per essere considerati residui evolutivi.

Per infliggere danni, occorreva che le zampe anteriori si trovassero nella giusta posizione.

Un po' scomodo... Per altri scienziati, tuttavia, un T. rex adulto avrebbe dovuto appoggiare completamente il petto sulla vittima, per poter usare gli arti anteriori in questo modo. I giovani esemplari, al contrario, avevano un maggiore spazio di manovra.

Ti potrebbero interessare

7 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us