Scienze

Lavoro di squadra: così i neuroni ci aiutano a ricordare

Abbiamo impresso nella memoria il nome del nostro compagno di banco che non vediamo da vent'anni, ma scordiamo immediatamente quello di uno sconosciuto che si è appena presentato. Perché?

Una ricerca condotta dal Caltech (California Institute of Technology), pubblicata su Science, ci solleva da ogni responsabilità: non è colpa della nostra (poca) attenzione se non ricordiamo mai i nomi di chi ci viene presentato, ma dei nostri neuroni, che hanno bisogno di lavorare in gruppo per codificare al meglio i nostri ricordi.

Colpa (o merito) dei nostri neuroni, che per fissare un ricordo hanno bisogno di tempo (e di un po' di team working)

«Immaginate di dovervi ricordare una storia lunga e complicata, ricca di particolari», spiega Walter Gonzalez, coordinatore dello studio: «immaginate di poterla raccontare a cinque amici, e di ritrovarvi poi una volta ogni tanto per ricordarla tutti insieme, riempiendo l'uno i vuoti di memoria dell'altro. Ogni volta che vi incontrate, potete portare con voi nuovi amici, affinché imparino la storia e vi aiutino a ricordarla le volte successive. Ecco, i neuroni fanno la stessa cosa con i nostri ricordi: lavorano in team".

In cerca dell'acqua. I ricercatori hanno condotto vari test su topi da laboratorio: i roditori dovevano muoversi in un recinto con le pareti bianche, lungo circa un metro e mezzo, fino a trovare la loro ricompensa: acqua zuccherata (una leccornia, per i topi). Lungo il percorso erano stati posizionati vari simboli in diversi punti, per aiutare le cavie a orientarsi.

Memoria: il lavoro di squadra dei neuroni
L'attività neurale nell'ippocampo di un topo impegnato in un nuovo ambiente. I colori corrispondono a locazioni univoche (luoghi): con l'esposizione continua al nuovo spazo, il topo consolida la memoria "reclutando" gruppi di neuroni per codificare le informazioni, che appaiono ben strutturate anche dopo diversi giorni di sospensione del test. © Caltech

L'analisi dell'attività neurale si è focalizzata in particolare sui neuroni dell'ippocampo (regione del cervello dove si formano i ricordi), atti alla codificazione dei luoghi. Inizialmente, i topi apparivano indecisi sul da farsi: vagavano senza una logica fino ad arrivare all'acqua zuccherata. Solo dopo aver percorso il tragitto diverse volte iniziavano a "ricordare": riconoscevano i simboli e li utilizzavano per orientarsi.

L'unione fa la forza. Successivamente gli studiosi hanno tenuto i topi lontano dal percorso per una ventina di giorni, prima di metterli di nuovo alla prova: le cavie che avevano acquisito dei ricordi solidi, codificati da un alto numero di neuroni, hanno trovato con facilità il percorso che li portava all'acqua zuccherata. Anche se in alcuni casi certi neuroni erano danneggiati o silenti, ne subentravano altri che li "aiutavano" a ricordare. «Più un'azione viene ripetuta, più è alto il numero di neuroni che la codifica», spiega il biologo Carlos Lois: «i risultati dello studio dimostrano che aumentando il numero di neuroni impegnati nella codifica di un ricordo, questo rimane più a lungo impresso nella memoria.»

22 settembre 2019 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us