Scienze

Ladro ruba iPhone che lo fa arrestare

Questo furto non s'ha da fare!

Mai scippatore di tecnologia fu più sfortunato: secondo quanto riporta il San Francisco Chronicle, un ladro californiano ha rubato l’iPhone che apparteneva a una società specializzata in applicazioni per le forze dell’ordine e la sicurezza.

“Un ladruncolo americano ha scippato l’iPhone utilizzato per testare le applicazioni gps della polizia”

Banale come il marketing – Questo è l’anno dei presunti e poco plausibili furti di modelli di cellulari in prova o beta test, come è stato ben chiaro nel caso, con tutta probabilità artificiosamente costruito da qualche mago di guerrilla-marketing, del nuovo iPhone. Ma questo episodio, riportato nientemeno che dalla cronaca nera californiana, pare più reale delle precedenti dimenticanze al bar: uno scippatore in bici ha fregato un iPhone nuovo di pacca dalle mani di una donna, mail telefono faceva parte di un test di applicazioni per poliziotti e affini.

Il furto più sbagliato – Come il proverbiale uomo sbagliato al momento sbagliato, il 31enne ladro americano, mentre pedalava via contento per il recente acquisto non pagato, non si poneva minimamente la questione di poter essere rintracciato. Peccato solo che il cellulare in questione era di Covia Labs, azienda specializzata in tecnologie di monitoraggio e sicurezza. E, rilievo penalmente molto peggiore, proprio il modello rubato era il telefono su cui la società stava testando il software “Alert & Respond”, sviluppato per le forze armate e la polizia. Il software è particolarmente utile per rintracciare, via gps, i device che montano l’applicazione, i cui spostamenti vengono segnalati su una mappa digitale. Una volta che il cellulare si è allontanato dalla zona sicura, il software è entrato in funzione e ha cominciato a tracciare il ladro di tecnologia a bordo della bici, che è stato subito acciuffato.

Un mondo di Apple Store. Guarda la gallery!

22 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us