Scienze

La storia delle cavie umane... maleducate per dovere

In recente esperimento scientifico alcuni volontari hanno avuto un compito imbarazzante: dire parolacce ad alta voce, tenendo una mano nell'acqua gelida. Ecco a cosa è servito...

Compiti bizzarri, situazioni imbarazzanti, piccole sevizie... Ci sono volontari che, partecipando a curiosi esperimenti scientifici, hanno dovuto vedere e subire (quasi) di tutto. Come quelli che si sono trovati a dover dire parolacce tenendo una mano immersa nell'acqua ghiacciata, dei quali vi raccontiamo qui.

Ma che gelida manina! I volontari di cui parliamo in questo caso sono gli uomini e le donne nel laboratorio di Richard Stephens, alla Keele University (Regno Unito). Avrebbero potuto sembrare dei gran maleducati, a chi li avesse osservati, un giorno, "al lavoro": tutti stavano infatti imprecando senza ritegno, ripetendo a gran voce una parolaccia. In realtà, si trovavano nel pieno di un esperimento ideato dal professor Stephens. Tenevano una mano nell'acqua gelida, a 5 °C, tanto fredda da essere dolorosa. «Sì, direi che stavano sperimentando un moderato dolore», ammette Richard Stephens.

Con la mano a mollo, dovevano ripetere ad alta voce una parolaccia (scelta tra quelle che avrebbero usato dopo essersi martellati un dito), oppure una parola neutra, cioè un termine usato per descrivere un tavolo.

Di altri 7 casi di "cavie umane", costrette ad affrontare situazioni imbarazzanti per condurre esperimenti scientifici, si parla nell'articolo “Io speriamo che me la cavia” su Focus 324, in edicola.

Fa male? Lo psicologo intanto chiedeva loro quanto male sentivano e annotava dopo quanti secondi ritiravano la mano dall'acqua. Il risultato: dicendo parolacce, le persone riferivano di sentire meno male e resistevano di più.

Come ci spiega Stephens, «le persone possono tollerare meglio il dolore ripetendo una parolaccia rispetto a una parola neutra». Ciò sembra spiegare perché, quando picchiamo contro qualcosa, difficilmente urliamo “tavolo massiccio!”. Ma a che cosa si deve, invece, il potere analgesico delle parolacce? «Sembra che imprecare provochi una risposta emotiva, che attiva la cosiddetta “reazione di attacco o fuga” (una risposta fisiologica a un pericolo, che prepara il corpo a reagire, ndr). E ciò ha un effetto antidolorifico definito “analgesia indotta da stress”».

Stephens ha poi fatto anche altri esperimenti dello stesso tipo. Ha visto per esempio che nei volontari abituati a dire parecchie parolacce, il beneficio è minore. E che invece non serve a molto fare un gestaccio: per la precisione, estendere il dito medio con la mano dentro l'acqua gelata non ha dato effetti positivi sulla percezione del dolore...

3 ottobre 2019 Giovanna Camardo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us