Scienze

La siccità distrusse i Maya

Lunghi periodi secchi ebbero un impatto notevole sulla civiltà Maya del Messico.

La siccità distrusse i Maya
Lunghi periodi secchi ebbero un impatto notevole sulla civiltà Maya del Messico.

Caracol, un osservatorio astronomico del popolo Maya in Messico.
Caracol, un osservatorio astronomico del popolo Maya in Messico.

Le ragioni per cui la civiltà Maya, che abitava nello Yucatan messicano, scomparve quasi improvvisamente nel Nono secolo circa sono ancora piuttosto misteriose. Una lunga ricerca ha scoperto che in concomitanza di alcune crisi della società Maya, in cui le città furono abbandonate, ci furono periodi di siccità. E che l'ultima e più grave crisi che ha spazzato via l'intera civiltà è stata casata da un periodo di siccità particolarmente lungo. Ricercatori svizzeri e statunitensi hanno studiato la deposizione del titanio in sedimenti oceanici al largo del Venezuela, che testimonia dei cicli di clima secco e umido attraverso bande di sedimenti chiari e scuri. E hanno trovato che dal 150 al 250 d.C., quando le città Maya furono lasciate, durante il cosiddetto “abbandono pre-classico”; e che il collasso della civiltà Maya avvenne dal 740 al 950 d. C, proprio in concomitanza di una profondissima crisi di siccità che colpì la regione. La precisione delle analisi è tale che è stato possibile stabilire anche che la siccità colpì la regione in vari anni. Per la precisione iniziò nel 760 e si intensificò nell'810. Un altro periodo secco iniziò nel 910 e durò circa 6 anni.

(Notizia aggiornata al 18 marzo 2003)

17 marzo 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us