Scienze

La seconda vita del floppy disc

Altro che pensione: le vendite vanno forte.

Il floppy disc da 3.5 pollici ha quasi compiuto 30 anni: il suo avvento è infatti datato 1981, quando arrivò, contemporaneamente ai primi Personal Computer, negli uffici di mezzo mondo. Dagli anni '80 in poi il floppy disc in formato compatto cominciò a sostituire i suoi fratelli maggiori: i dischi magnetici da 8 e 5¼ pollici.

“L'Italia consuma l'8% dei floppy europei”

Vecchia Europa? - Oggi è ancora uno strumento diffuso per l'archiviazione dei dati, nonostante esistano differenti strumenti per archiviare i byte, come: CD, DVD, chiavette USB, memorie esterne e hosting online. Infatti, secondo i dati diffusi dal produttore Verbatim, il totale delle vendite europee di floppy disc è stato di circa 50 milioni di unità durante il 2009. Un numero notevole, se si valuta che è una tecnologia vecchia di 30 anni. I dati raccolti mostrano che la domanda è alta nell'Europa Orientale, ma anche il Belpaese ha bisogno di dischetti: l'Italia costituisce ancora oggi l'8,2% del totale del mercato europeo.

Perché si usa ancora - Il floppy continua la sua lunga vita perché viene tutt'oggi usato per impartire comandi e archiviare le informazioni di una larga gamma di macchinari. Soprattutto nell'industria, dove le macchine hanno età che si misurano in decenni e necessitano di poca memoria per eseguire il loro compito specifico, archiviando sulle memorie magnetiche piccole quantità di dati. Per questo Verbatim ha annunciato che, pur essendo un mercato in forte diminuzione, continuerà a produrre e distribuire floppy disc in tutto il mondo.

7 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us