Scienze

La scienza e Obama

Che impatto avrà la rielezione di Barack Obama sull'ambiente, la ricerca scientifica e l'innovazione tecnologica?

La rielezione di Barack Hussein Obama alla massima carica degli Stati Uniti (prevista e prevedibile, ma non per questo meno combattuta) permette al presidente di continuare la sua politica di sostegno alla ricerca scientifica e tecnologica. E forse, nei limiti consentiti dalla autonomia e dalle camere (ricordiamo che la House of representative è in mano ai repubblicani, in parte finanziati dalle grandi industrie petrolifere) di immettere nella politica anche il grande tema dell’ambiente e del riscaldamento globale.

Sarebbe stato meglio se Romney avesse vinto? Che cosa avverrà ora?
Secondo le promesse e le dichiarazioni pre-elezioni, infatti, la posizione dell’avversario Mitt Romney era molto più critica verso il finanziamento della ricerca scientifica e tecnologica e la protezione dell’ambiente. Vediamo cosa potrebbe succedere se Obama riuscisse a mantenere le promesse.
In risposta a 14 domande posti agli (allora) candidati in settembre dall’organizzazione www.sciencedebate.org, Obama promise di raddoppiare i finanziamenti nelle più importanti agenzie scientifiche del Paese, e le decisioni nei quattro anni passati come presidente fanno capire che la promessa potrebbe essere mantenuta.

La positiva esperienza dei 4 anni precedenti
In generale, per quanto riguarda ricerca e sviluppo, Obama dichiarò che il suo obiettivo è di superare il 3 per cento di prodotto interno lordo nelle spese della ricerca. In questo ha avuto vita facile rispetto ai presidenti repubblicani (come Bush) e anche a Romney, perché uno delle prime iniziative di Obama appena eletto, il Recovery Act, finanziò i progetti di ricerca con 100 miliardi di dollari in ricerche di base, energia, salute e tecnologie dell’informazione. Per quanto riguarda la salute, però, Obama ha dimostrato di avere altre priorità, non concedendo un aumento del budget del National Institute of Health (l’Istituto superiore di sanità degli Stati Uniti).

Gli USA cambiano rotta

Insieme alla rielezione di Barack Obama, alcuni stati degli USA hanno modificato alcune politiche in un senso che si potrebbe definire libertario grazie a diversi referendum. Eccoli in dettaglio.

Legalizzazione dei matrimoni gay: approvati in Maine, nello stato di Washington e in Maryland.

Utilizzo della marijuana per uso personale: approvato in Colorado e ancora Washington.

Respinta la proposta di impedire l’uso di fondi pubblici per gli aborti in Florida.

Non è passata una proposta che obbligava i produttori a dichiarare la presenza di organismi geneticamente modificati nei cibi in California.

Puntare sulla scuola
Anche l’educazione e la preparazione scientifica sono state un punto forte della campagna di Obama, con la promessa di rafforzare il corpo docente con almeno 10.000 altri professori di scienza e tecnologia, mentre Romney ha accusato del declino delle scuole americane il sindacato dei professori e propone più potere alle scuole private.

La guerra dell'energia
È però sull’energia e sulle conseguenze dell’uso di fonti diverse che si scontrano le due concezioni di Obama e Romney: il primo nel suo mandato ha cercato di finanziare tutte le fonti energetiche, compreso il petrolio delle acque territoriali, il “carbone pulito” ma anche le energie alternative (solare e vento soprattutto). D’altronde, durante il suo primo mandato, Obama ha visto raddoppiare l’energia prodotta da fonti alternative. Il secondo invece proponeva nel suo piano solo lo sviluppo di fonti fossili (petrolio, carbone e gas naturale) da trovare nel territorio degli Stati Uniti – comprese ancora le acque territoriali – e nei vicini Messico e Canada, indebolendo molto le leggi che riguardano l’inquinamento di acqua a aria.

Il futuro dell'energia
Se la politica seguita finora proseguisse, però, Obama dovrebbe spingere per un minor consumo di combustibili fossili attraverso un aumento dell’efficienza dei motori delle automobili, una misura cui i costruttori si erano opposti per decenni: nel 2009 li riunì tutti alla Casa Bianca letteralmente obbligandoli ad aumentare l’efficienza dei motori. Nel 2025 si dovrebbe arrivare a 23 chilometri per litro.

Vogliamo la Luna!
Più complicata è la storia d’amore tra Obama e lo spazio: nel 2010 infatti il presidente cancellò il programma Constellation, che avrebbe dovuto riportare l’uomo sulla Luna, e lasciò le missioni più vicine alla Terra a “disposizione” del settore privato; allo stesso tempo taglio dell’8% il programma di scienza planetaria della Nasa, aumentando però del 44% quello che si occupava di studiare il pianeta Terra.
Sembra proprio che la lettera spedita da 68 premi Nobel, che appoggia fortemente l’elezione di Obama contro la candidatura di Romney (his opponent supports a budget that, if implemented, would devastate a long tradition of support for public research and investment in science), sia stata ascoltata dal popolo americano che ha rieletto Obama..

7 novembre 2012 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us