Scienze

La Russia progetta il suo sistema operativo

L'ex-URSS si butta nell'informatica.

Il governo russo ha comunicato di voler sviluppare il primo sistema operativo di Stato, come alternativa a Microsoft Windows.

“L'ex-Unione Sovietica sarà la prima nazione ad avere un sistema operativo statale”

Il pinguino è la base - L'intenzione del governo di Mosca è di sostituire il sistema operativo di Microsoft, che è ora installato nei computer della sua ampia pubblica amministrazione, con un sistema operativo proprietario, che verrà sviluppato dai programmatori russi per mezzo di un cospicuo investimento di 4,9 milioni di dollari. La base da cui partire è l'open source Linux, che è già tanto diffuso nel paese degli zar.

Il piano a dicembre - il vice primo ministro Sergei Ivanov discuterà in parlamento a dicembre il piano per lo sviluppo del software, che ha come obiettivo principale l'indipendenza dai prodotti dell'azienda americana, sia per motivi economici che per eventuali questioni legate alla sicurezza informatica. Il nuovo sistema operativo russo sarà installato all'interno dei computer presenti in tutti gli uffici statali e governativi e consentirà di abbattere i costi per le licenze di Windows, giustificando nel tempo i quasi 5 milioni che si dovranno spendere per progettare il primo software statale Made in Russia.

scopri i personaggi più potenti del web

1 novembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us