Scienze

La plastica che si autoripara ispirata ai vasi sanguigni

Un super materiale riesce a rigenerare fratture larghe fino a 3 centimetri in totale autonomia, grazie a una struttura interna che ricorda quella dei capillari umani.

E se lo schermo di un cellulare, o la rete di una racchetta da tennis fossero in grado, un giorno, di rigenerare in poco tempo le parti rotte e incrinate? Non è uno scenario così irrealizzabile: un gruppo di ingegneri dell'Università dell'Illinois ha messo a punto un polimero in grado di autoripararsi come la pelle umana, sanando nel giro di 3 ore anche un buco di 3 centimetri di diametro.

Come vene e arterie
I materiali in grado di autorigenerarsi non sono certo una novità: negli ultimi anni sono stati creati gomme, cemento e circuiti elettrici con proprietà autoriparanti. Ma anche il più intelligente di questi super materiali può sanare solamente un danno di minuscola entità, sottolineano i ricercatori nell'articolo pubblicato su Science.

Per ovviare a rotture più gravi occorreva un approccio diverso: i ricercatori si sono ispirati al sistema vascolare del corpo umano per creare, all'interno del polimero, una rete di microscopici canali che, come capillari, trasportino i liquidi riparatori sul luogo dell'"incidente".

Le sostanze usate per l'autoriparazione giungono sul luogo della rottura attraverso due vie separate, e lì si mischiano per sanare il danno in due fasi: prima formano attorno al buco un'armatura in gel; quindi, il gel gradualmente si solidifica in una struttura più solida e robusta. «Siamo riusciti a riempire regioni più grandi di 35 millimetri in 20 minuti, e a ripristinare le funzioni meccaniche del materiale nel giro di 3 ore» affermano i ricercatori.

Infinite applicazioni
Il materiale autoriparatosi recupera il 62% della sua forza originaria, in seguito a un danno 100 volte maggiore di quelli che si erano trattati finora con plastiche di questo tipo. Polimeri con questa proprietà potrebbero essere impiegati per le strutture sottoposte a danni di proiettili, ma anche per confezionare condutture dell'acqua, cofani delle auto, componenti di satelliti e chip per i computer in grado di ripararsi da soli alle prime avvisaglie di rottura, evitando che il danno peggiori.
«Ancora una volta - commentano gli scienziati - raffinati sistemi presenti in natura hanno ispirato possibili soluzioni».

Ti potrebbero interessare anche:

La gomma che si autoripara e i materiali camaleonte
La materia programmabile che si piega da sola e cambia forma
Un display pieghevole come un foglio di carta
La super tela di ragno, metallica e resistentissima

10 maggio 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di coriosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us