Scienze

La pianta risorta

Un viaggio indietro nel tempo è stato possibile grazie ad un esperimento condotto da alcuni ricercatori russi: i semi di Silene Stenophylla, ritrovati intatti nel permafrost riportati a fiorire dopo 32 mila anni.

Dopo oltre 30.000 anni, i semi di una pianticina del Pleistocene sono tornati a fiorire. Lo annunciano due ricercatori russi, Svetlana Yashina e David Gilichinsky dell'Accademia russa delle scienze: la specie, Silene stenophylla, appartenente alle Cariofillacee, abita ancora adesso in Siberia orientale e Giappone settentrionale. È una pianta perenne molto piccola (da 5 a 25 centimetri) e fiorisce in estate.
(Piante spettacolari: guarda le più belle foto di botanica)


Tutta colpa di uno scoiattolo

Lo scorso anno, quando il permafrost ha cominciato a sciogliersi, nella regione del fiume Kolyma a una profondità di 38 metri sono stati trovati alcuni semi: si ritiene che siano stati sepolti circa 31.000 anni fa da uno scoiattolo di terra (simile forse agli odierni tamia siberiani).
Dopo una coltura in vitro e clonazione, il tessuto placentale delle piante (i semi maturi non erano vitali) è stato fatto germogliare e ha prodotto la piccola pianta, dalla quale sono nati i fiori bianchi caratteristici della specie; se lo studio sarà confermato, la silene sarà l'essere multicellulare più antico mai tornato in vita.
I ricercatori fanno notare infine che la nascita della piantina dimostra come il permafrost, proprio perché permanentemente gelato, sia un ottimo “deposito” di materiale genetico, da cui si possono ricavare i geni di forme di vita scomparse da tempo.

Guarda anche
Tigri da giardino: curiosità sulle piante carnivore

Il video dei ricercatori russi

29 febbraio 2012 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us