Scienze

La formazione di una catena montuosa contribuì a una grande estinzione

La formazione di montagne potrebbe aver bloccato l'umidità marina e inaridito un'area del supercontinente Pangea, contribuendo alla grande estinzione di 260 milioni di anni fa.

La nascita di una catena montuosa in quello che è ora il Sudafrica potrebbe aver contribuito, almeno a livello locale, a una delle peggiori estinzioni di massa mai verificatesi sul Pianeta.

Si sente spesso citare l'estinzione di massa del Permiano, che 252 milioni di anni fa si portò via l'80% delle specie animali di terra e di mare, complici forse una serie di imponenti eruzioni vulcaniche. Meno nota è però un'altra ecatombe di viventi avvenuta "poco" prima, 260 milioni di anni fa: alla fine del periodo Capitaniano, il 75-80% degli animali di terra svanì.

Dente prezioso. Le cause di questa estinzione, che sulla terraferma colpì più duramente di quella del Permiano e che anzi potrebbe averle spianato la strada, lasciando gli ecosistemi impoveriti in partenza, sono finora rimaste misteriose. Ma di recente un gruppo di paleontologi dell'Università di Witwatersrand in Sudafrica ha trovato alcuni indizi in un dente fossile di Diictodon feliceps: un dicinodonte, animale simile a una grossa lucertola di circa mezzo metro che si nutriva di piante ed era dominante nel super continente Pangea. Il dente è stato rinvenuto nella regione di Karoo, in Sudafrica.

Un muro invalicabile. Le analisi chimiche del reperto hanno rivelato che il clima nell'area divenne molto più arido intorno all'epoca dell'estinzione del Capitaniano, senza però l'incremento di temperature di solito associato ai climi secchi. Come era possibile?

Gli scienziati si sono accorti che quel periodo corrispondeva a quello della nascita geologica di una catena montuosa sudafricana, la Cape Fold Belt. All'epoca questi rilievi erano alti come l'Himalaya, e potrebbero aver formato una barriera che bloccò l'umidità proveniente dal mare, lasciando all'asciutto l'interno. Il clima potrebbe quindi essere diventato più arido senza aumenti di temperatura.

Un pezzo del puzzle. La spiegazione è plausibile, ma interessa ovviamente solo una ridotta porzione di Pangea: si tratta cioè di una forzante locale. La nascita della catena montuosa potrebbe essere quindi stata uno dei tasselli di un più complesso mosaico di fattori, che portò a una drammatica riduzione della fauna terrestre.

2 maggio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us