Scienze

La "morte" pietrificata sul lago Natron

Le sue foto stanno facendo il giro del mondo. Si tratta di immagini riprese dal fotografo Nick Brandt – noto per aver girato il videoclip della canzone...

Le sue foto stanno facendo il giro del mondo. Si tratta di immagini riprese dal fotografo Nick Brandt – noto per aver girato il videoclip della canzone "Earth Song" di Michael Jackson - che ci fanno conoscere il mondo dantesco del Lago Natron che si trova in Tanzania. Si tratta di animali calcificati dalle acque del lago. Tutti i report paragonano quanto ripreso da Brandt al grande fiume chiamato Stige (il fiume del lamento), che nella Divina Commedia va a formare un intero girone. Ma come è possibile che animali in grado di volare rimangano calcificati? Il fatto è che le acque del lago possono arrivare anche a 60°C di temperatura ed il livello alcalino del suo pH varia tra pH 9 e pH 10.5, insopportabile per quasi ogni forma di vita. In realtà questo lago prende il suo nome da “natron”, che è un composto naturale la cui formula è carbonato idrato di sodio, un prodotto dell’attività vulcanica dell’area africana. Chi per sbaglio finisce all’interno di queste acque muore e viene calcificato dando origine a spettrali carcasse. Brandt, che da anni vive nell'Est Africa è uno dei pochissimi fotografi che è riuscito ad immortalare in modo statuario alcuni di tali esseri. "Non potevo fare a meno di fotografarli”, spiega Brandt. “Nessuno ancora sa come avviene tutto il processo, ma è senza dubbio qualcosa di unico”. L’unico trucco è che Brandt ha trovato gli animali sulle spiagge del lago e li ha riportati in luoghi tali da farli sembrare morti sul posto. Ecco alcuni sorprendenti scatti:

Il Lago Natron

4 ottobre 2013 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us