Scienze

La memoria delle sabbie

Un fulmine è effimero per definizione. Pare impossibile quindi pensare a qualcosa che possa trattenerlo e conservarlo per anni. Invece è più o meno quello che accade con delle strane “formazioni” chiamate folgoriti, ossia dei cilindri di sabbia cementata e vetrificata dall’azione di un fulmine, che conservano e trattengono informazioni su quell'evento.
Oggi, per la prima volta, è stato possibile datare alcune di queste insolite formazioni geologiche, scoprendo particolari molto interessanti riguardo al clima e all’ecologia del Sahara di un tempo.
L’analisi chimica di alcune folgoriti ritrovate in Egitto, ha rivelato infatti la presenza di biossido di carbonio, monossido di carbonio e ossido nitrico sprigionati nel momento in cui il fulmine ha colpito il suolo bruciandolo. In più, sono state individuate tracce di materia organica che derivano da erba o altri arbusti tipici di un ecosistema caldo e semiarido. Uno scenario molto diverso dal deserto sterile e secco che conosciamo oggi. La datazione di questi reperti, ottenuta tramite un processo chiamato “termoluminescenza”, ha messo in evidenza che circa 15 mila anni fa il Sahara doveva essere una zona abbastanza ospitale e ha confermato la presenza di piante che oggi verrebbero uccise dal caldo e dalla siccità. La comunità scientifica è rimasta sorpresa di fronte alla creatività del metodo usato, e già in molti ora promettono di fare molta attenzione a un fenomeno che finora era considerato poco più di una stranezza della natura.

Nella foto, una folgorite del deserto (© Louis Carion - carion minerals)

2 febbraio 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us