La mappa dei fulmini in tempo reale

Un progetto di citizen science per tracciare tutti i fulmini che si abbattono sul nostro pianeta. Ecco come partecipare.

rtr3xkf0
Fulmini su Las Vegas: un progetto open source vuole mappare tutti i fulmini che cadono sulla Terra.|REUTERS/Gene Blevins

Volete entrare da protagonisti nel mondo della ricerca scientifica? Con 200 euro e un minimo di comptenze di elettrotecnica potete diventare cacciaotri di fulmini e contribuire allo studio su larga scala di questo fenomeno atmosferico.

fulmini e saette. Ogni giorno cadono sulla Terra migliaia di fulmini e tracciarli tutti è praticamente impossibile: per i ricercatori è però importante riuscire a mappare il pianeta per capire dove si concentrano le scariche elettriche, in quale periodo dell’anno, qual è la loro intensità e il loro legame con le altre condizioni metereologiche.

L’obiettivo è quello di prevedere, e nei limiti del possibile contenere, i danni che i fulmini possono causare agli impianti elettrici e alle strutture per le telecomunicazioni.

 

 

Meteo-social. Uno dei progetti più ambizioni mai tentati per contare e catalogare i fulmini è Blitzortung.com, una community di appassionati dotati di speciali rilevatori che captano le scariche elettriche e inviano i relativi dati, via Internet, a un centro di eleborazione che li cataloga e li visualizza su una mappa.

 

Il risultato è quello che potete vedere online: una planisfero aggiornato quasi in tempo reale sul quale sono indicate le singole scariche elettriche.
Il progetto è attivo già da una decina d’anni, ma solo ultimamente i costi dell’hardware necessario alla realizzazione del rilevatore sono scesi abbastanza da renderlo interessante anche per semplice appassionati.

 

Una visualizzazione dei fulmini caduti sul nord Italia durante il temporale dell'8 luglio 2014

 

COME partecipare.  In Italia i partecipanti a Blitzortung sono ancora piuttosto pochi e tutti concentrati lungo il confine tra Lombardia ed Emilia Romagna e sulle prealpi lombarde.

Per contribuire al progetto è sufficiente iscriversi e costruirsi l’apparato ricevente seguendo le istruzioni.

Il risultato è decisamente interssante: nella mappa qui sopra è possibile visualizzare i fulmini che hanno accompagnato la bomba d’acqua caduta sulla Lombardia nella notte tra lunedì e martedì scorso.

 

 

12 Luglio 2014 | Rebecca Mantovani