La Grande Onda di Hokusai ricreata in laboratorio

Uno studio sulle dinamiche di formazione delle onde anomale ha riprodotto una copia in miniatura dell'onda della Draupner, la prima ad essere misurata con precisione, nel 1995. Il cavallone è parso particolarmente simile a quello raffigurato dal pittore giapponese.

grandeondahokusai
Le onde anomale, due secoli fa.|Wikimedia Commons

Un gruppo di ricercatori del Regno Unito esperti di fisica del moto ondoso ha ricreato, in un colpo solo, la copia perfetta di due onde anomale che sono passate alla storia. Il team delle Università di Oxford e di Edimburgo ha lavorato per replicare, in laboratorio, un cavallone che avesse, in scala, la cresta e il profilo dell'Onda della Draupner o Onda del nuovo anno, la prima onda anomala ad essere misurata con una strumentazione scientifica.

 

Il 1 gennaio 1995, i tecnici della piattaforma petrolifera Draupner E nel Mare del Nord, al largo delle coste della Norvegia, registrarono durante una tempesta un'onda che si elevava per 18,5 metri sopra il livello del mare, con una differenza massima di 25,6 metri tra il picco e la gola dell'increspatura. Era la prima volta che un evento simile veniva documentato, e non solo raccontato da testimoni oculari.

Scontro tra titani. I ricercatori hanno preso l'onda della Draupner a modello per capire come questi pericolosi flutti si formino, praticamente dal nulla e senza preavviso. Hanno creato due sottogruppi di onde più piccole e le hanno fatte incrociare seguendo diverse angolazioni: l'onda anomala è stata riprodotta quando l'angolo di "scontro" tra i due gruppi era di circa 120 gradi. Se invece non avvengono "collisioni", il naturale infrangersi delle onde limita l'altezza massima che queste possono raggiungere. La conclusione dello studio, pubblicato sul Journal of Fluid Mechanics, è importante per comprendere meglio origine e comportamento dei mostruosi muri d'acqua.

 

Trova le differenze. | via Phys.org

Già vista. Un risvolto curioso della ricerca, è che l'onda ricreata nel bacino circolare della FloWave Ocean Energy Research Facility di Edimburgo aveva un'aria familiare. Somigliava parecchio alla Grande onda di Kanagawa (1830-1831) della xilografia del pittore giapponese Katsushika Hokusai, che minaccia tre barche di pescatori e sembra rivaleggiare, in altezza, con il Monte Fuji sullo sfondo. L'onda artificiale era simile anche ad altre onde anomale catturate in foto. Insomma il profilo dei giganteschi cavalloni non è poi così originale.

 

 

27 Gennaio 2019 | Elisabetta Intini