Scienze

La firma dello tsunami

Un team di scienziati americani cerca nel cielo le tracce degli tsunami per mettere a punto un sistema di allarme nuovo ed efficace.

Un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois è riuscito a individuare nell’atmosfera terrestre una traccia dello tsunami che lo scorso 11 marzo ha devastato le coste del Giappone.
Jonathan Makela e i suoi studenti hanno individuato, a 250 km di altezza sopra la la Terra, un improvviso mutamento nella circolazione dei flussi di aria che ha preceduto di circa 60 minuti l’arrivo della gigantesca onda.

Cielo e mare

Lo tsunami, viaggiando ad altissima velocità attraverso l’oceano (tra i 500 e i 1000 km/h) genera delle onde meccaniche che si propagano per chilometri anche nel cielo. La rarefazione degli strati superiori dell’atmosfera causata dallo spostamento di queste enormi masse di aria può essere rilevata con strumenti ottici e ed elettronici e può permettere la realizzazione di un sistema di allarme tsunami molto più efficiente di quelli attuali, che utilizzano i dati trasmessi da reti di boe ancorate al largo delle coste più a rischio.
Makela e il suo team hanno osservato una perfetta corrispondenza tra la traccia atmosferica dello tsunami e la propagazione dell’onda nell’oceano.

Matematicamente...
Ora la sfida è più matematica che tecnologica: la realizzazione di un sistema di early warning efficiente passa infatti per lo sviluppo di algoritmi capaci di filtrare e interpretare correttamente i dati raccolti in tempo reale dai satelliti e dalle stazioni di osservazione terrestre.«La nostra scoperta conferma una volta di più quanto sia interconnesso il nostro ambiente» ha spiegato ai media il professor Makela.

21 luglio 2011 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us