Scienze

La città sepolta, scoperta dallo tsunami

Il maremoto che ha colpito il sudest asiatico ha portato alla luce le rovine di quella che potrebbe essere un'antica città portuale nel sud dell'India. I reperti erano sepolti nella sabbia.

La città sepolta, scoperta dallo tsunami
Il maremoto che ha colpito il sudest asiatico ha portato alla luce le rovine di quella che potrebbe essere un'antica città portuale nel sud dell'India. I reperti erano sepolti nella sabbia.

L'antico oggetto dissepolto dalla furia dello tsunami a Mahabalipuram, sulla costa orientale dell'India.
L'antico oggetto dissepolto dalla furia dello tsunami a Mahabalipuram, sulla costa orientale dell'India.

La furia dello tsunami che lo scorso 26 dicembre ha sconvolto India, Sri Lanka e Sud Est asiatico, ha anche rivelato preziosi resti archeologici che si credevano persi per sempre.
È successo a Mahabalipuram, una cittadina costiera dell'India, non distante da Madras. Secondo la leggenda qui dovevano trovarsi in passato sette splendide pagode dedicate a divinità Hindu. Ma soltanto una si erge ancora intatta sulla spiaggia, riccamente ornata di bassorilievi. Ora però il maremoto ha scoperto sott'acqua i resti di una seconda costruzione, anche questa con preziose decorazioni raffiguranti leoni, elefanti e pavoni. Si tratta, secondo gli studiosi, di motivi ricorrenti durante il periodo della dinastia dei re Pallava, che risale al settimo e ottavo secolo dopo Cristo.
Muro del “pianto”. Secondo l'autore della scoperta, l'archeologo indiano Theyaga Satyamurthy, «il muro scoperto dallo tsunami può essere parte di un tempio o una porzione dell'antico porto della città, che ai tempi del suo massimo splendore era un importante centro commerciale». Poi, in un'epoca imprecisata, qualche cataclisma, forse proprio uno tsunami simile a quello di dicembre, ha sommerso gran parte dell'antica città, comprese le sei pagode scomparse. Ora il governo indiano ha deciso di finanziare nuove ricerche per individuare altre strutture subacquee. Che andrebbero ad arricchire ancora di più un luogo che è già stato inserito dall'Unesco tra i patrimoni mondiali dell'umanità.

(Notizia aggiornata al 25 febbraio 2005)

25 febbraio 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us