Scienze

La Cina blocca di nuovo Google?

Un problema tecnico e si pensa al blocco.

La telenovela tra Google e la Cina continua. Nell’episodio di oggi, il nostro search engine riferisce di un’interruzione dei servizi di ricerca, e di un totale blocco degli annunci pubblicitari e delle ricerche dai dispositivi portatili nella giornata di ieri. Reazione del governo cinese al cambio di strategia?

“Niente blocco cinese, si è trattato di un problema tecnico”

Puntate precedenti – La Cina censura internet, e questo è un dato di fatto. Google inizialmente ha minacciato di andarsene, ma poi è stata al gioco impostando dei filtri filo-governativi come richiesto e dirottando tutto il traffico cinese sul sito di Google di Hong Kong. Finché, alla fine di giugno, ha cambiato strategia e ha deciso di riaprire il sito cinese “google.cn”, e indirizzarlo su quello di Hong Kong. La differenza? Pensava di salvare “capra e cavoli”, ossia continuare a spedire le ricerche non filtrate su Hong Kong per compiacere Pechino, ma al tempo stesso offrire agli internauti cinesi altri servizi di Google, come il traduttore o la musica, tollerati dalle autorità cinesi. Perdere un mercato così ricco sarebbe da stupidi.

Falso allarme – Il blocco di ieri ha fatto pensare a una reazione “ostile” di Pechino al cambio di strategia di Mountain View, sebbene la Cina avesse appena rinnovato la licenza a Google per operare nel Paese. Nella serata di ieri, però, Montain View spiega che si è trattato di un “falso allarme”: i problemi sono riconducibili a un problema tecnico e non a una intenzionale interferenza del governo cinese. In pratica il sistema ha sopravvalutato il livello di blocco imposto dai cinesi che si è invece rivelato molto inferiore alle aspettative. Il servizio di ricerca, a detta di Google, è tornato a funzionare a “pieno” ritmo, o meglio, al ritmo cinese.

Sfondi Google: guarda la gallery!

30 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us