Scienze

La balena dell'Eocene, divoratrice di balene

Il Basilosaurus isis, un cetaceo preistorico lungo come un autobus, era all'apice di una catena alimentare che includeva, tra i vari anelli, anche altri suoi simili. Le prove della sua robusta dieta erano lì da anni, ma solo ora le abbiamo riconosciute.

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali vicini, ha rivelato che questi bestioni includevano, nel loro menù, anche i cuccioli di altre balene.

Il terrore dei mari. Il B. isis visse nell'Oceano Atlantico al largo del Nord Africa tra i 38 e i 34 milioni di anni fa. Era lungo 18 metri, tre volte un'orca, e aveva un muso allungato armato di denti appuntiti (i fanoni sarebbero arrivati più tardi). Nove anni fa, un fossile del cetaceo preistorico fu rinvenuto nel Wadi Al-Hitan, la Valle delle Balene, in Egitto: quest'area Patrimonio dell'Umanità per l'abbondanza di fossili preistorici era, nell'Eocene, un mare poco profondo e densamente popolato.

Nello stesso sito furono trovati anche i resti di antichi pesci ossei, di squali e di almeno due altre piccole balene, che avevano fatto sospettare che il B. isis fosse un animale necrofago, ghiotto delle carcasse di altri animali, o che semplicemente il gruppetto di creature acquatiche fosse andato incontro alla stessa triste fine.

L'ultimo pasto. Ora nuove analisi del sito guidate da Manja Voss del Museo di Storia Naturale di Berlino hanno evidenziato che i resti di pesci e di balene più piccole si trovavano vicini alla cassa toracica del Basilosaurus, e che sul cranio delle due giovani balene si notano i segni di denti aguzzi, compatibili con quelli del cetaceo gigante.

I fossili "minori" erano quindi il contenuto del suo stomaco: il Basilosaurus era un predatore apicale che si nutriva di cetacei più piccoli, e di squali che a loro volta consumavano altri pesci. La ricerca ricostruisce un tassello importante degli antenati delle balene moderne, e della catena alimentare oceanica dell'Eocene.

17 gennaio 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us