Scienze

L'uomo moderno è ancora più vecchio

Una data certa per tre fossili; i primi veri crani di uomo.

L'uomo moderno è ancora più vecchio
Una data certa per tre fossili; i primi veri crani di uomo.

Uno dei tre crani di uomo moderno scoperti in Etiopia.© Tim White
Uno dei tre crani di uomo moderno scoperti in Etiopia.
© Tim White

La data dell'apparizione del primo vero uomo moderno, appartenente cioè alla nostra specie Homo sapiens, sono sempre state piuttosto controverse. Una serie di ricerche pubblicata su Nature è riuscita a trovare una data molto precisa, grazie a rocce e artefatti databili con precisione. Secondo gli autori, tra cui Tim White (il famoso scopritore di Lucy), i crani trovati e Herto in Etiopia, nella valle dell'Afar, hanno tra i 154.000 e i 160.000 anni.
Insieme ai crani sono stati trovati resti di molti altri animali, che costituivano un ecosistema non molto diverso da quelli africani odierni; c'erano antilopi del genere Kobus, ippopotami, zebre e gnu.
L'ambiente in cui vivevano i nostri antenati (che sono stati classificati in una sottospecie a parte, Homo sapiens idaltu) era quindi un misto di savana (dove vivevano gnu e zebre) e di ambiente lacustre, luogo ricco di ippopotami.
Grosse prede. Proprio ippopotami e altri animali erano le prede preferite degli ominidi che vivevano in Etiopia 600.000 anni fa. Molte sono state infatti le lame e altri strumenti di pietra rinvenute sul posto. Gli scopritori pensano che gli uomini non uccidessero direttamente le prede, ma approfittassero delle carcasse di animali morti o uccisi da altri predatori come i leoni.
Le anime morte. I tre crani umani trovati nel corso degli anni nella valle sono di due adulti e un giovane, e tutti hanno i segni di modifiche avvenute dopo la morte. Ci sono segni di taglio per staccare la carne dalle ossa, oppure graffi che testimoniano il tentativo di “pulire” il cranio dai residui di pelle. Per questo gli autori pensano che i tre crani siano stati sottoposti a preparazione prima della sepoltura; uno dei segni più chiari di nascita della cultura e di un moderno Homo sapiens.
Un'ultima annotazione fa presente che questi uomini anatomicamente moderni sono precedenti al più antico di neanderthaliani, e che quindi questi robusti ominidi europei non possono essere, e questa è una conferma, nostri antenati o parenti.

(Notizia aggiornata al 12 giugno 2003)

12 giugno 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us