Scienze

L'evoluzione è nella cultura, non nelle ossa

I libri di scuola spiegano che a determinare la comparsa dell'uomo moderno e l'estinzione dei neanderthal fu lo sviluppo, nel primo, di una struttura scheletrica più adatta all'ambiente. Ora, forse, occorrerà riscrivere una parte di questa storia. I risultati di uno studio condotto recentemente da Tim Weaver (Università della California, Usa) su ossa del cranio di esemplari di neanderthal mostrano infatti che i vantaggi evolutivi degli uomini moderni non sembrano avere a che fare con una forma e una dimensione del cranio capaci di assicurare una vista migliore, un udito più fine e un olfatto più sviluppato rispetto ai neanderthal. Che cosa allora determinò l'evoluzione? La risposta non è ancora certa, ma secondo Weaver va ricercata nel comportamento: «Gli uomini moderni acquisirono abilità culturali che permisero loro un miglior adattamento», spiega il ricercatore. Del resto è noto da tempo che le prime forme di espressione culturale, come le incisioni rupestri, risalgono a 50 mila anni fa, quando cioè l'uomo moderno ebbe la meglio sui neanderthal. [AP]

21 marzo 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us