Scienze

La fuga di Gheddafi: su un SUV simile alla Batmobile

Tutte le tecnologie del SUV di Gheddafi, l'auto supersicura che lo ha fatto uscire dalla Libia in rivolta.

Il leader libico Muammar Gaddafi sarebbe riuscito a scappare dal suo rifugio di Tripoli eludendo i controlli e gli attacchi dei ribelli grazie a una delle autovetture più sicure, tecnologiche e costose mai costruite.
La notizia è stata pubblicata poche ore fa dal giornale online Mediapart.

Un carrarmato con gli interni in pelle
La superauto sarebbe una Mercedes SL in versione modificata, con carrozzeria corazzata in grado di resistere a un missile anticarro.
Il suv è equipaggiato con tutti i più moderni sistemi di comunicazione così da permettere al Raìs e ai suoi accompagnatori di rimanere sempre in contatto con il mondo esterno.
Un sofisticato sistema di difesa elettronica chiamato Shadow, crea un campo elettromagnetico per oltre 100 metri attorno all'auto, così disturbre le trasmissioni radio e rendere inoffensivi eventuali ordigni comandati a distanza.
La segretezza delle comunicazioni radio e telefoniche di Gheddafi e dei suoi accompagnatori è garantita da una sofisticata tecnologia digitale che rende il fuoristrada impermeabile a qualunque tipo di intercettazione.

El ga il suv
Secondo Mediapart questo gioiello della tecnologia sarebbe stato prodotto per Gheddafi nel 2008 da un'azienda francese, la Amesys, per circa 4 milioni di euro.
La vendita dell'auto alla Libia sarebbe stata ratificata dallo stesso Primo Ministro francese Nicolas Sarkozy, allora ministro dell'interno.
E la stessa Amesys, dalle pagine del suo sito, non smentisce nulla ma precisa che tutte le attività commerciali intraprese con il governo libico sono sempre avvenute nel pieno rispetto delle leggi Francesi e internazionali.

A spasso con il Presidente: auto, treni e navi che garantiscono la sicurezza dei potenti

20 settembre 2011 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us