Scienze

L'Aids? Un'eredità dell'evoluzione

Quattro milioni di anni fa il sistema immunitario dei primati vinse una battaglia mortale contro un virus che avrebbe potuto spazzare via i nostri antenati e consegnare la Terra a un'altra specie. E probabilmente oggi paghiamo il prezzo di quella "vittoria". È quanto suggerisce uno studio americano molto recente, che formula un'ipotesi originale sulla nostra apparente incapacità di contrastare l'Hiv: secondo Michael Emerman e i suoi colleghi del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle (Usa), la sensibilità all'Aids potrebbe essere un contrappasso all'accresciuta resistenza del sistema immunitario dei primati a un altro virus mortale, oggi scomparso. I ricercatori sono arrivati a questa ipotesi analizzando il Dna dei nostri parenti più prossimi nella catena evolutiva, gli scimpanzé, dove hanno scoperto i segni lasciati dello PtERV1, il virus estinto. A quanto sembra, quattro milioni di anni fa i nostri progenitori riuscirono a sconfiggere l'epidemia grazie a una proteina che rese il sistema immunitario più resistente allo PtERV1, ma che nel contempo portava in eredità una maggiore sensibilità all'Hiv. Purtroppo questo studio non aiuta la ricerca nella cura dell'Aids. Come spiega Emerman, «questo lavoro non ha a che fare con lo sviluppo di vaccini anti-hiv. È piuttosto da vedersi in un'ottica di indagine sulla storia evolutiva dell'uomo».

26 giugno 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us