Scienze

Islanda, si prepara a eruttare il vulcano dei record

Una serie di terremoti indica un aumento della pressione del magma all'interno del Bardarbunga, noto per la formazione della caldera più grande di sempre. Il "risveglio" non pare però imminente.

Una serie di brontolii che arrivano dall'interno del ghiacciaio islandese Vatnajökull fa pensare che il vulcano nascosto dalla sua cappa di ghiaccio sia pronto a eruttare di nuovo. Il Bardarbunga, lo stratovulcano subglaciale responsabile dei tremori, è un sorvegliato speciale dei geologi di tutta Europa, dopo che una sua eruzione da record tra il 2014 e il 2015 aveva creato, in diretta, la caldera più grande mai studiata finora.

Secondo Páll Einarsson, geologo dell'Università dell'Islanda, i terremoti sono il sintomo di un progressivo accumulo di pressione nella sua camera magmatica, e non il segnale di un'eruzione imminente, che potrebbe aver luogo entro una manciata di anni.

Irrequieto. Il Bardarbunga ha ricominciato a tremare già a febbraio del 2015, poco dopo la fine dell'ultimo evento eruttivo. Prima del risveglio vero e proprio, comunque, si erano registrate 1.600 mini-eruzioni nell'arco di 48 ore - la riprova (affermano gli scienziati) che gli sporadici sismi di questi giorni non sono ancora un segnale allarmante.

Minori disagi. In ogni caso l'eruzione non dovrebbe avere gli stessi catastrofici effetti di quella dell'Eyjafjallajökull, un altro vulcano subglaciale islandese dal nome impronunciabile che nel 2010 mise in ginocchio il traffico aereo europeo. Oltre al Bardarbunga, altri 3 vulcani islandesi si stanno manifestando con tremori: il Grímsvötn, l'Hekla e il Katla - quest'ultimo è considerato il più pericoloso di tutti, per l'intensità delle sue eruzioni. Al momento tutti e quattro sono ancora considerati in condizioni "normali e non eruttive" dai codici per l'aviazione civile.

3 novembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us