Scienze

Iran: allarme virus nei pc della centrale nucleare

Infettati i pc della centrale nucleare.

La notizia viene da fonti ufficiali del governo iraniano: il supervirus Stuxnet ha attaccato 30.000 computer, anche quelli utilizzati dall'industria nucleare.

“Il virus si chiama Suxnet ed ha infettato alcuni computer ma non ha danneggiato gli impianti”

Annuncio istituzionale - Il ministro delle telecomunicazioni della Repubblica Islamica Taqipur e il segretario responsabile per la tecnologia informatica Liayi hanno annunciato che: ''Una guerra elettronica è stata lanciata contro l'Iran'' affermando che comunque è già stato realizzato uno specifico antivirus e non ci sono stati danni seri. L'attacco cibernetico ha colpito 30mila computer in tutto il paese, che corrispondono a circa il 60% dei computer colpiti dal worm Stuxnet in tutto il mondo.

Contro il nucleare - Le autorità di Teheran sospettano che si tratti di un attacco informatico premeditato: un'azione di sabotaggio da parte di governi stranieri, Stati Uniti e Israele in testa, per rallentare il programma atomico del paese islamico. Il capo della stazione nucleare iraniana di Bushehr ha affermato che comunque non ci sono stati danni rilevanti, dato che il virus informatico ha colpito solo i computer personali dello staff: “Un team sta ispezionando diversi computer per rimuovere il malware ... i sistemi principali dell'impianto non sono stati danneggiati", ha detto ieri all'agenzia IRNA news.

Cosa attacca - Il malware attacca i computer con Windows che contengono software per il Supervisory Control and Data Acquisition, anche noto con l'acronimo SCADA. Tali sistemi di Siemens sono utlizzati per il controllo degli impianti automatizzati, nell'industria alimentare, manifatturiera, chimica ed energetica. Il governo di Teheran ha suggerito a tali industrie iraniane di astenersi dall'utilizzare anche i software antivirus di Siemens, perchè potrebbero contenere nuove versioni, più potenti, del temibile Stuxnet.

Guarda le meraviglie della terra

27 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us