Scienze

Fatica sprecata allenare il cervello con i videogiochi

I videogiochi che promettono di allenare il cervello sarebbero in realtà quasi del tutto inutili: aumenterebbero l'abilità nel risolvere i semplici quiz che propongono, ma senza effetti misurabili sul QI e sulle facoltà intellettuali. Cosa ne pensano i produttori?

Se state tentando di convincere la vostra dolce metà a lasciarvi comprare l'ultima consolle per videogiochi promettendole che vi dedicherete solo ai games per allenanare il cervello, cercatevi un'altra scusa: i videogiochi intelligenti non aiutano a migliorare il quoziente intellettivo. La notizia viene dalla Gran Bretagna, dove un team di ricercatori dell'Università di Cambridge ha recentemente concluso una ricerca sull'efficacia dei giochi elettronici che promettono di migliorare le facoltà cerebrali.

Cervelli in palestra
Adrian Owen e i suoi collaboratori hanno hanno reclutato 11.000 volontari tra i 18 e i 60 anni attraverso una trasmissione televisiva e li hanno sottoposti a una serie di prove sulle facoltà mnemoniche e spaziali. Hanno poi invitato la metà di loro a giocare per 6 settimane con due allenatori cerebrali online, mentre l'altra metà ha semplicemente navigato sul web. Al termine di questo periodo hanno somministrato nuovamente i test cognitivi ai due gruppi: l'analisi dei risultati ha dimostrato che entrambe le attività avevano migliorato in misura uguale e solo marginalmente le performance intellettuali dei partecipanti. Secondo i ricercatori i giochi intelligenti migliorano solo alcune abilità specifiche che però non si trasferiscono alla sfera cognitiva. Possono per esempio migliorare la capacità di risolvere rapidamente semplici operazioni algebriche come somme e sottrazioni ma non a capire come risolvere una divisione o una moltiplicazione. I games per allenare il cervello avrebbero insomma un'altissima specificità.

C'è chi dice no

Le conclusioni della ricerca di Owen, pubblicate sulla rivista Nature, non sono però condivise all'unanimità dalla comunità scientifica internazionale. Torkel Klingberg, uno psicologo del Karolinska Institute di Stoccolma, sostiene che i videogames attualmente commercializzati come "brain training" non sono stati progettati su basi scientifiche e per questo non danno risultati apprezzabili. Klingberg, fondatore di un'azienda specializzata nel miglioramento delle facoltà cognitive, nega che tutti i programmi di allenamento mentale siano spazzatura e sostiene che i partecipanti alla ricerca inglese hanno utilizzato software dal dubbio valore e per troppo poco tempo. "La ricerca di Owen non prova e assolutamente nulla", ha dichiarato a New Scientist, "nè a favore nè contro questi software".

La parola al Dr. Kawashima
Ma cosa ne pensano i produttori di questi videogiochi? "Il brain training del Dr. Kawashima (uno dei più famosi videogiochi di questo genere. Ndr) non promette di migliorare le facoltà intellettuali su una base scientifica" ha dichiarato in un'intervista alla BBC il portavoce di Nintendo, che ha precisato come il software "richieda agli utenti di superare una serie di divertenti sfide basate su matematica semplice, memorizzazione e lettura. In questo modo si allena il cervello che viene stimilato dalla continua sfida a migliorarsi proposta dal gioco". Eppure genii si può diventare: lo affermava qualche anno fa una ricerca condotta proprio all'Università di Cambridge. E secondo altri non serve neppure studiare noiosi tomi o complicate formule matematiche: per allenare il cervello e migliorarne le capacità ci si può dedicare ad attività anche molto più fisiche come la giocoleria.

Con la matematica ci si può anche divertire: clicca qui e scopri come.

10 maggio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us