Scienze

Instax scatta e stampa come le Polaroid

FujiFilm crea una nuova "Polaroid".

Le vecchie macchine fotografiche Polaroid sono sparite già da qualche anno, tra l'incredulità di molti appassionati della prima ora, ma anche lasciando scoperta una nicchia di mercato di cui ha subito approfittato FujiFilm con i suoi modelli Instax “scatta e stampa”.

“Le FujiFilm Instax hanno preso il posto delle storiche Polaroid”

Instant business - Polaroid ha smesso di produrre le sue celebri fotocamere nel 2007 e un anno dopo termina anche la produzione delle pellicole per la stampa istantanea. È vero che due imprenditori olandesi hanno comprato la formula originaledelle “instant film” quadrate e deciso di riprodurle, ma se non hai un vecchio modello come le Polaroid SX 70 o 600 non servono a nulla.

Japan Trend - La qualità delle stampe istantanee Polaroid non è mai stata favolosa, ma in un'epoca in cui i computer erano roba da scienziati pazzi e la stampa digitale neanche lontanamente immaginabile, poter scattare e vedere immediatamente il risultato di uno scatto era di gran moda. I tempi sono cambiati ma la voglia di avere tutto e subito non è scomparsa. Così FujiFilm ha pensato bene di oppure il posto delle storiche Polaroid con la famiglia Instax. L'ultima nata è il modello Mini50s Cheki, sufficientemente piccolo da tenere in mano, e che produce foto delle dimensioni di una cartolina (86 x 54mm). Il prezzo si aggira intorno ai 170 euro, non proprio economica, mentre 10 stampe costano circa 23 euro. È in vendita sul sito Japan Trend Shop insieme ad altri modelli Instax più economici.

Scatti a tema marino che tolgono il fiato

2 ottobre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us